Come la cellula avverte la disponibilità di ossigeno e come vi si adatta, utilizzando l’elemento vitale per eccellenza in modo da produrre l’energia che la alimenta. Svelano i meccanismi alla base del ‘respiro della cellula’, facendo luce su “uno dei processi adattativi più essenziali della vita”, gli studi premiati con il Nobel per la Medicina 2019, vinto dagli americani William G. Kaelin Jr e Gregg L. Semenza e dall’inglese Sir Peter J. Ratcliffe. Il meccanismo ha un’importanza cruciale per mantenere le cellule in buona salute e averlo scoperto ha aperto la strada alla comprensione di molte malattie, prime fra anemia e tumori.

L’annuncio è stato dato come ogni anno dal Karolinska Institutet di Stoccolma in Svezia, in diretta via Internet e social network. Il riconoscimento ammonta a 9 milioni di corone svedesi, al cambio odierno circa 830mila euro.

I tre studiosi “hanno stabilito le basi per la nostra comprensione di come i livelli di ossigeno influenzano il metabolismo cellulare e la funzione fisiologica”, ha detto la giuria, aggiungendo che le loro scoperte hanno “spianato la strada a nuove promettenti strategie per combattere l’anemia, il cancro e molte altre malattie“.

I tre scienziati, recita la motivazione del riconoscimento assegnato dal Karolinska Institutet di Stoccolma, “hanno stabilito le basi per comprendere come i livelli di ossigeno influenzano il metabolismo cellulare e la funzione fisiologica”. Tutti gli animali, e anche l’uomo, hanno bisogno di ossigeno per trasformare il cibo in energia utile. Ma se “l’importanza fondamentale dell’ossigeno è nota da secoli, il modo in cui le cellule si adattano ai cambiamenti nei livelli di ossigeno è rimasto per molto tempo misterioso”. E Kaelin, Ratcliffe e Semenza lo hanno spiegato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Clima, ecco la prova dell’impennata delle temperature. L’esperto Cnr: “Nell’ultimo secolo l’aumento di anidride carbonica 100 volte più veloce degli ultimi 800.000 anni”

prev
Articolo Successivo

Nobel per la Fisica, sulle tracce del Big Bang e di nuovi mondi alieni: premiati il cosmologo Peebles e i planetologi Mayor e Queloz

next