“Un’accessibilità che non pregiudichi la complessità dei temi femministi […] rappresenta oggi una delle sfide più difficili di un movimento sempre più fluido e frammentato, che cerca di trovare la strada per tornare ad avere un forte impatto politico”. Questo è il tentativo, ben riuscito nonostante il linguaggio non semplice, del libro di Benedetta Pintus e Benedetta Da Vela dal titolo Siamo marea. Come orientarsi nella rivoluzione femminista. L’emancipazione femminile è una rivoluzione, almeno pari per portata a quella statunitense, francese e sovietica.

Dal neolitico, e cioè dal momento in cui l’essere umano si stanzia, la donna vive una condizione di inferiorità ed oppressione, che nasce dalla materialità delle condizioni di lavoro e dall’importanza della forza fisica. Dalla fine dell’ottocento, con l’industrializzazione e la fine del predominio della forza fisica, la donna può essere uguale all’uomo: comincia una nuova storia, ben riassunta nel volume.

A scuola non viene insegnata, nelle tv non se ne parla, se non per gli aspetti più efferati (femminicidio o, meglio, muliericidio). La parità non è stata raggiunta e nei paesi a capitalismo avanzato, compresa l’Italia, avanzano nuove forme di oppressione, che si sommano a quelle particolari del consumismo edonista (sottoprodotto del liberismo) per cui tutto è una merce che si deve vendere. Mi impressionò qualche anno fa Lella Costa che, parlando di parità, disse che a suo parere le donne saranno libere e vivranno una situazione di equità quando potranno invecchiare senza paura e senza remore. Oggi non è così.

Il libro di Pintus e Da Vela è un vademecum dei femminismi, con interviste a protagoniste privilegiate e con un taglio storico che dà profondità al ragionamento. Una parte importante dello stesso mette in relazione i femminismi con i movimenti Lgbtqi, a partire dall’esperienza, tutta da scoprire e valorizzare, di Non una di meno. L’intento è ancorare la costruzione di un movimento maggioritario di donne e uomini libere e liberi ad un concetto: il femminismo intersezionale.

Il femminismo intersezionale nasce nei suoi caratteri col femminismo stesso e conosce una prima teorizzazione nei movimenti femministi statunitensi.“Poiché ciascuna persona è un individuo complesso la cui identità sociale è composta da elementi diversi (genere, classe, etnia, orientamento sessuale, livello di istruzione e molto altro), affinché le lotte per le pari opportunità siano davvero efficaci devono prendere in considerazione il mosaico di variabili e il modo in cui si intrecciano fra loro”.

Vi sono diverse oppressioni, e ogni donna e uomo vive situazioni di privilegio e di oppressione che devono essere riconosciute sia nel campo della vita privata che nella sfera pubblica. “Non un’ideologia in grado di leggere tutti i fenomeni, ma piuttosto una cassetta di strumenti […]. Essere femminist* intersezionali significa […] porsi in ascolto e cercare di contrastare la tendenza, molto diffusa […] nella cultura occidentale borghese e colonialista, di pensare che il nostro approccio sia unico e universalmente valido e di agire senza pensare che, pur se non prendiamo parte attiva alle discriminazioni e alle oppressioni, siamo comunque tutt* inseriti in una fitta e complicata rete di privilegi, che vanno […] riconosciuti per permettere un avvicinamento sincero di apertura, ascolto e comprensione delle esperienze […] di chiunque”.

C’è un ruolo per gli uomini? Sì. Decostruire, a partire da sé stessi, il patriarcato e maschilismo della società nella sua vita quotidiana e in quella pubblica e cambiare concretamente. Ogni giorno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Egitto, il Cairo è una metropoli dai mille volti

next
Articolo Successivo

Lingua italiana, lo Zingarelli 2020 segnala le ‘parole da salvare’: ora quelle a rischio estinzione sono in tour nelle piazze

next