“Faccio tutto: lavo, stiro e tutto quello che succede in casa è sempre colpa mia. Meglio il carcere che stare a casa con mia moglie”. Così un 49enne romano, che si trovava agli arresti domiciliari, è evaso e si è presentato nel commissariato Colombo della polizia.

Davanti agli agenti ha raccontato di essere esasperato dai continui litigi e di aver quindi volutamente violato l’ordine disposto dall’autorità giudiziaria. Un modo, insomma, per essere scoperto e vedersi aggravata la misura. L’uomo è quindi stato arrestato per evasione ma è stato giudicato non punibile per la particolare tenuità del fatto.

Insomma, sarebbe dovuto rimanere ai domiciliari. Lo stesso però, come racconta l’Adnkronos, ha chiesto di non scontare gli arresti presso la propria abitazione. La sua richiesta è stata accolta con trasferimento presso la struttura di un’associazione onlus.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Naufragio del 3 ottobre, la storia di Saddam: “Mio fratello era nel barcone, cerco ancora il suo corpo”. Intanto ha realizzato il suo sogno

next
Articolo Successivo

Ue, Carola Rackete al Parlamento europeo: “Dove eravate quando ho chiesto aiuto? Governi hanno alzato muri, nella culla dei diritti umani”

next