La proposta di estendere il diritto di voto ai 16enni lanciata dall’ex premier Enrico Letta raccoglie non solo l’appoggio del Pd e del M5s, ma anche quello dell’attuale presidente del consiglio. “Negli ordinamenti giuridici si mette una convenzione anagrafica. Per me abbassarla a 16 anni ci sta benissimo, in altri ordinamenti è così”, dice Giuseppe Conte. “I nostri ragazzi credo che a 16 anni abbiano tutta la maturità psicofisica per votare”, aggiunge spiegando che comunque una riflessione nel governo a riguardo “non è ancora iniziata. Anzi, forse sarebbe più utile che la si facesse in sede parlamentare”. Anche il capo politico dei 5 stelle Luigi Di Maio è d’accordo con Letta: “E’ una proposta che portiamo avanti da sempre e che sosteniamo con forza”, ha scritto su Facebook. “I giovani in Italia vengono definiti, a seconda del momento, choosy, viziati, ‘gretini’: per noi vanno soprattutto messi al centro della nostra politica. Se a 16 anni un giovane può lavorare e pagare le tasse, dovrebbe almeno avere il diritto anche di votare e scegliere chi decide della sua vita”. Proprio il voto ai 16enne è da sempre una delle proposte portate avanti da Beppe Grillo in persona che, per primo ne ha parlato nel 2016 e nel 2019 ha rilanciato con la proposta di abbassare l’età minima addirittura a 14 anni.

Si trova in sintonia con Letta anche Nicola Zingaretti che su twitter scrive: “Sono da sempre favorevole al voto ai sedicenni. Bene oggi le parole di Enrico Letta. La passione civile di tante ragazze e tanti ragazzi che incontro tutti i giorni rafforzano questa idea. Ora è tempo“. Sempre in ambito Pd Graziano Delrio considera la proposta da valutare ma solo dopo aver dato “il voto al Senato ai 18enni. Siamo già impegnati su questo fronte, che mi pare già un grande passo avanti. Poi si potrà ragionare anche del voto ai 16enni”. È anche vero che nei paesi dove si può andare al seggio a 16 anni, sono abbassate alla stessa soglia pure la maggiore età e quella per guidare l’automobile.

“Stamani ho proposto di dare risposta alla voglia di partecipazione dei giovani di #FridaysForFuture introducendo il #VotoaiSedicenni. Il tema è diventato trend topic su twitter, tanti hanno approvato e si sono espressi. Ora non ci sono alibi”, ha scitto su Twitter Letta, taggando Conte, Zingaretti e Di Maio. L’ex premier aveva lanciato l’idea con un’intervista a Repubblica, in cui chiedeva a questo proposito una “riforma costituzionale da fare in un anno”. Letta, ora direttore dell’Istituto di Studi politici a Parigi, sempre nell’intervista a Repubblica, ha anche chiesto che il Parlamento lavori per l’approvazione dello “ius culturae”: la proposta però, incardinata a Montecitorio, si è di nuovo arenata perché considerata non prioritaria per la maggioranza. Secondo Letta l’esecutivo deve pensare ai più giovani e a come coinvolgerli: “Il mio lavoro sono i ragazzi, è a loro che bisogna pensare”, ha detto. Proposte che l’ex premier giudica urgenti e facilmente approvabili in Parlamento con questa maggioranza. “È un modo per dire a quei giovani che abbiamo fotografato nelle piazze, lodando i loro slogan e il loro entusiasmo: vi prendiamo sul serio e riconosciamo che esiste un problema di sottorappresentazione delle vostre idee, dei vostri interessi. Il momento è ora, non si aspetti per ottenere di più”.

Per Letta ora il premier Conte si gioca il tutto per tutto: “Fare bene con questo governo è nel suo interesse, non ha un terzo tempo da giocare. L’anno trascorso gli è valso come apprendistato. Ha capito che Matteo Salvini stava portando il Paese a sbattere”. E poi suggerisce: “Adesso bisogna accelerare sul green new deal, coniugarlo con la lotta alle diseguaglianze, non permettere che il ministro Sergio Costa metta la faccia su un testo vuoto. Aspettare magari, ma fare bene il decreto sul climate change, d’intesa con Bruxelles. Sono anche d’accordo con la lotta al contante: basta con la palla delle vecchiette che non sanno andare al bancomat”. E ancora: “Soprattutto serve una nuova legge elettorale che dia diritto di tribuna alle minoranze. Non un maggioritario all’inglese o alla francese. Quella giusta è il Mattarellum, i collegi con una quota proporzionale. Aggiungerei la sfiducia costruttiva: un governo casca perché ce n’è un altro pronto, sennò si va al voto. E secondo me le legislature dovrebbero essere più brevi, di tre, quattro anni”.

A La Repubblica poi promuove a pieni voti l’inizio al Viminale di Luciana Lamorgese: “Ha cominciato con il piede giusto. Il vertice di Malta è un passo avanti importante, ma non è la soluzione finale. Sull’immigrazione non ci si può nascondere, servono risposte strutturali. E occorre un trattato con i Paesi volenterosi, lasciando fuori quelli di Visegrad, e applicando regole chiarissime: voto a maggioranza e automatismi in tutte le scelte, a partire dalla redistribuzione”. Mentre boccia la scelta politica di Matteo Renzi: “Penso sia stato un errore per il modo e per i tempi, oltre che per la sostanza. Il Pd ha fatto un’operazione enorme costruendo il governo, aveva suscitato ammirazione in Europa, ma quella mossa ha fatto sì che pensassero: ‘Sono sempre gli stessi’. È una piccola mina messa sotto l’esecutivo, ma non penso abbia interesse a farlo cadere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Salvini: “Ma è normale che ministro Economia parli di conti del Papeete? Aggiorneremo interrogazioni Pd su carriera di Conte”

next
Articolo Successivo

Manovra, Conte: “Sterilizziamo l’Iva: i 23 miliardi ci sono. Ma non mi accontento di questo: voglio far volare l’Italia. Sono il riformatore del Paese”

next