Adriana Volpe è stata ospite di Verissimo e, intervistata da Silvia Toffanin, si è tolta qualche sassolino dalla scarpa nei confronti dell’ex collega Giancarlo Magalli, con il quale ha un passato di polemiche e reciproche accuse finite anche in Tribunale. “Ho sofferto, ho iniziato a soffrire dal 2017 quando Giancarlo Magalli ha iniziato ad offendermi, non solo in tv, ma anche sui social, sono stata male. Noi abbiamo lavorato insieme per 7 anni. Poi durante una diretta parlando di un articolo sulla mezza età ho detto che aveva la sua età, 70 anni, e da quel momento qualcosa è cambiato, forse aveva un nervo scoperto“, ha raccontato spiegando di aver capito fin da subito che il conduttore non nutriva molta simpatia nei suoi confronti: “Non si può stare simpatiche a tutti, ma mi deve rispettare”, ha detto la Volpe.

“Lui ama il fatto che il programma si identifichi solo con lui. Dopo il terzo anno ha iniziato a chiedere di cambiare, ma la squadra funzionava e sono rimasta altri 4 anni. Ma lui non mi sopportava“, ha aggiunto precisando di esser stata molto ferita dalle parole di Magalli motivo per cui ha ritenuto importante battersi: “Ho voluto essere portavoce di tutte le donne che vengono insultate e non hanno modo di farsi sentire. Quando ricevi una palata di fango è difficile ripulirsi, per questo non ho accettato quello che lui ha dichiarato dopo quella puntata in cui mi ha dato della ‘rompi scatole’ e ha insinuato il pensiero che potessi aver fatto carriera per altri meriti se non quelli professionali”.

Dopo questa discussione i due hanno lavorato insieme ancora qualche mese, ma Adriana chiarisce: “Io sollevai il problema, ma l’azienda per cui lavoravo (la Rai) non ha risolto il problema, ma ha considerato me un problema. Io non auguro a nessuno quello che ho passato io. Fu un colpo al cuore, mi aspettavo un segnale, una protezione, dire quello che lui insinua tira dentro anche la Rai, eppure mi è arrivata in risposta una lettera di richiamo. Io ho fatto 20 anni in Rai, ho un ricordo meraviglioso, ma quest’anno si è chiuso un capitolo, non so cosa succederà in futuro. Io ho sollevato un problema, loro hanno avuto l’esigenza di spostarmi a “Mezzogiorno in Famiglia” e ora hanno chiuso il programma. Lo accetto, ma mi domando: quale persona avrà il coraggio di denunciare soprusi o angherie, se vedono che quello che rischi è che perdi il lavoro?”.

Silvia Toffanin le ha poi chiesto delle due querele da lei presentate in tribunale nei confronti di Magalli: “Ci sono e non ho intenzione di ritirarle. Voglio andare fino in fondo, ma non per me, ma per la mia famiglia, per mia figlia e per tutte le donne che come me hanno subito angherie”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alba Parietti: “Ho avuto un tumore a 37 anni”

next
Articolo Successivo

Amici Celebrities, Pio e Amedeo lanciano una frecciata a Marco Carta: “Almeno comprati il coso che toglie l’antitaccheggio”. Maria De Filippi li gela: “Non ha rubato”

next