Dopo cinque scudetti, quattro Coppe Italia, sette Champions League, un oro mondiale e un oro europeo, Francesca Piccinini, il volto più famoso del volley femminile, ha deciso di appendere le ginocchiere al chiodo. Lo ha annunciato durante un’intervista al programma Verissimo: “Non giocherò più a pallavolo, mi ritiro. Ho vissuto un sogno per tanti anni, ma penso che sia arrivato il momento di dire stop a questa vita stupenda e iniziarne una nuova. Ho voglia di vivere altre emozioni“.

Una scelta che la stessa campionessa ha definito sofferta: “È stata dura prendere questa decisione, ma ho 40 anni ed esco da vincente perché due mesi fa ho vinto la mia settima coppa dei campioni. Mi mancheranno le sensazioni prima delle partite e l’adrenalina dopo le vittorie ma le cercherò in qualcos’altro”. E poi aggiunge: “Sono ancora un po’ frastornata ma credo sia la decisione più giusta. Ringrazio questo bellissimo sport che mi ha formato e mi ha aiutato tantissimo a diventare la donna che sono oggi”.

La Piccinini è pronta ora a nuove sfide: “Vorrei avere un figlio, ma è dura trovare la persona con cui costruire una famiglia”. A chi la vede già a bordo campo come allenatrice lei risponde così: “In futuro vedremo, in ogni caso non credo di voler allenare ad alti livelli perché significherebbe stare nuovamente in palestra tutti i giorni. Mi piacerebbe però far crescere le bambine”. E chissà, magari la rivedremo ancora in tv come telecronista sportiva, dopo il suo esordio ai microfoni Rai negli europei di volley femminile appena conclusi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Calcio dominato dai procuratori, l’avvocato di Lukaku: “Terreno fertile per collusioni, conflitti di interesse ed evasione fiscale”

prev
Articolo Successivo

Mondiali di rugby, il paradosso dell’Italia: esordio con la Namibia ma tra ct dimissionario e striscia di sconfitte, il torneo è già in salita

next