Vi è mai capitato di cercare di partecipare a una videoconferenza e non riuscirci perché il microfono del computer sembrava non funzionare? È emerso che il problema non è nel microfono, ma nella gestione da parte di Windows. In un post sul canale ufficiale di supporto, Microsoft informa della disponibilità di un aggiornamento che “Risolve un problema che impedisce ad alcuni clienti di utilizzare microfoni multicanale USB Audio 2.0 in Voice Recorder e app simili”.

L’aggiornamento riguarda la versione 1903 di Windows 10, anche nota come May 2019 Update. È gratuito e si ottiene tramite Windows Update. Non si tratta di un aggiornamento per la sicurezza e non è disponibile mediante il Catalogo ufficiale degli aggiornamenti scaricabili manualmente. Per scaricarlo non occorre fare nulla: come si legge sul sito ufficiale, “se il dispositivo risulta interessato da questo problema, questo aggiornamento verrà scaricato e installato automaticamente da Windows Update”.

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

La procedura è differente solo per gli utenti di Windows Server Update Services (WSUS). In questo caso l’aggiornamento sarà disponibile solo configurando i prodotti su “Windows 10, versione 1903 e successive” e le classificazioni su “aggiornamenti”. Tuttavia gli utenti di questa categoria sono pochi e professionisti, quindi non avranno problemi a procedere in maniera corretta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sensore di vibrazioni di nuova concezione rileva mine antiuomo dai veicoli in movimento

prev
Articolo Successivo

Lenovo ThinkVision P44w-10, il monitor curvo per chi usa tante applicazioni contemporaneamente

next