Droga e astici all’interno del carcere di Latina. I carabinieri in collaborazione con la polizia penitenziaria hanno eseguito 34 arresti di cui 4 ai domiciliari emessi dal gip di Latina nei confronti di altrettante persone ritenute responsabili, a vario titolo, di spaccio di sostanze stupefacenti, corruzione, falso ideologico. Nell’indagine sono coinvolti anche due operatori della locale casa circondariale di Latina (un agente e un ispettore) e personaggi di spicco della criminalità pontina.

L’attività di indagine, partita nel 2017, si è articolata in due filoni connessi tra loro. Da un lato i carabinieri si sono concentrati su quanto avveniva all’interno del carcere, in collaborazione con la polizia penitenziaria che aveva riscontrato alcune irregolarità, e dall’altro sull’organizzazione che si dedicava allo spaccio nel circondario e che dall’esterno riusciva a far entrare nel penitenziario. Molte delle persone coinvolte era uscite dal penitenziario, due di loro erano invece ancora in carcere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, arrestati capi ultrà della Juve. La distribuzione illegale dei biglietti: video della polizia

prev
Articolo Successivo

Migranti, torturati e tenuti prigionieri in Libia: tre fermati a Messina. I testimoni: “Stupravano le donne e ci davano da bere acqua del mare”

next