Il pantheon di Salvini è estremamente variegato, nel suo discorso dal palco di Pontida 2019 non sono mancate le citazioni dei suoi personaggi di riferimento. Non manca Oriana Fallaci, poi c’è spazio per tutti, da Leopardi a Enzo Ferrari, passando per Giovanni Paolo II, don Pierino Gelmini, Rosario Livatino, Margaret Thatcher. Un pensiero anche per Enrico Berlinguer e i ringraziamenti di rito a Umberto Bossi e Roberto Maroni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pontida, Salvini: “Cinque milioni di firme se provano a smontare il decreto sicurezza”

next
Articolo Successivo

Umbria, Franceschini (Pd): “Alleanza elettorale? Perché no. Parole di Di Maio importanti”

next