È a soli 15 chilometri dalla costa tirrenica calabrese uno dei più grandi complessi vulcanici sottomarini italiani. Sviluppatosi dalla fusione di materiale proveniente dal mantello lungo e, in particolare, da una profonda frattura della crosta terrestre questo complesso era finora sconosciuto. È quanto comunica Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Il complesso è formato da tre montagne principali, chiamate Diamante, Enotrio e Ovidio, di cui quest’ultimo formato a sua volta da cinque vulcani, di cui uno un po’ più grande del Vesuvio. Pubblicato sulla rivista Earth &Space Science News, il risultato si deve ai ricercatori dell’Ingv.

Rispetto al complesso di 15 vulcani sottomarini scoperto sempre dall’Ingv insieme ad altri enti nel 2017 tra la costa sud di Salerno e quella calabra, “si tratta della stessa catena a livello geologico, ma di vulcani nuovi, con caratteristiche diverse. È infatti più vicino alla costa, ha un’estensione maggiore e diversi vulcani hanno forme arrotondate”, spiega Riccardo De Ritis, primo autore dell’articolo.

Ciò vuol dire che i vulcani “erano a livello del mare e sono stati erosi nel corso delle glaciazioni. Il complesso vulcanico individuato nel Mar Tirreno – prosegue De Ritis – è stato suddiviso in due porzioni. Una parte occidentale, più distante dalla costa, i cui edifici vulcanici presentano un aspetto più accidentato e deformato da strutture tettoniche”. La parte orientale, più vicina alla costa, ha invece edifici vulcanici arrotondati dalla sommità pianeggiante. “La nostra ricerca – conclude l’autore – getta nuova luce sull’esistenza di importanti complessi vulcanici sul fondale marino, a distanze dalla costa decisamente inferiori a quanto non si conoscesse in precedenza”.

Lo studio su Tectonis

L’articolo su Earth &Space Science News

Immagini dal sito dell’Invg

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spazio, c’è un pianeta simile alla Terra: ha l’acqua e temperature compatibili con la vita

prev
Articolo Successivo

Batterio New Delhi, ecco come si trasmette. L’Italia è tra i paesi con tassi più elevati di antibiotico-resistenza

next