Bloccati a 2.600 metri di quota per una tempesta di neve. È quanto successo a un gruppo composto da diverse famiglie, in provincia di Sondrio. Tredici in tutto le persone coinvolte: una coppia con tre figli e un amichetto, due genitori con i due figli, e una coppia con un ragazzo quindicenne. A riportarlo il Corriere della Sera.

La comitiva è partita la mattina di sabato 7 settembre per un’escursione ed è arrivata nel pomeriggio in Valmalenco, nel rifugio “Capanna Carate”, di proprietà del Cai (Club Alpino Italiano) a Carate Brianza, in prossimità della Bocchetta delle Forbici. Qui sono stati costretti a fermarsi più del previsto: nel corso della notte sono infatti caduti “25 centimetri di neve che poi sono diventati 40”. Impossibile quindi rientrare a piedi. Così hanno chiamato l’elicottero, che ha dovuto fare in tutto tre viaggi, domenica 8 settembre, per riportarli a valle. per tre volte è salito a recuperare tutti i 13 escursionisti.

Il gestore del rifugio Amanzio Vanotti, intervistato dal Corriere, sostiene di averli avvisati dell’imminente peggioramento delle condizioni meteo, ma le famiglie hanno deciso di mettersi lo stesso in viaggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Si filmano mentre vanno a sbattere a 160 all’ora. Mistero sull’incidente che spopola in rete: “Muoio stasera”

next
Articolo Successivo

Batterio New Delhi, in dieci mesi 31 morti in Toscana. L’Ars: “Ndm isolati nel sangue di 75 pazienti”

next