Un ladro che ringrazia i carabinieri è una scena rara, e lo è ancora di più se il ringraziamento arriva al termine dell’udienza che conferma la custodia cautelare. Eppure è successo a Spilamberto, nel modenese: un 24enne responsabile di furti seriali ha espresso la sua gratitudine alle forze dell’ordine, per come è stato trattato, e in particolare al comandante di stazione. Quest’ultimo ha saputo che il ragazzo non aveva soldi per i pannolini del figlio ed è andato a comprarli, di persona. “Questo è il nostro stile, far rispettare la legalità ma trattare ogni persona con l’umanità e il rispetto che gli spettano”, commentano dal Comando provinciale di Modena.

L’uomo era conosciuto da tempo come “il ladro dei tombini di Modena”: li prendeva dalla strada e li usava per rompere le vetrine dei negozi. L’ultimo arresto risaliva ad agosto e l’uomo, pur essendo ai domiciliari, non aveva mai smesso di rubare. Le forze dell’ordine hanno allora attivato una specifica rete di controllo per rintracciarlo e l’hanno fermato davanti a un parcheggio di una lavanderia vicino casa. Gli arnesi da scasso e i 104 euro in monete ritrovati nelle sue tasche hanno fatto capire, senza troppi dubbi, perché fosse lì.

L’udienza svolta a Modena la mattina del 10 settembre ha disposto in via provvisoria la custodia cautelare in carcere ed è stato inoltre notificato un ulteriore decreto di custodia in carcere, proveniente da diversa città per altri furti precedenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Comune avvia la “defascistizzazione”: strade intitolate a personaggi del Ventennio prenderanno il nome delle sue vittime

next
Articolo Successivo

Mose, a maggio 2018 commissioni bloccarono il collaudo: “Inutile se non risolvono i problemi delle cerniere arrugginite”

next