Una nuova perquisizione a Francoforte, cuore pulsante dell’economia tedesca. Questa volta gli agenti hanno fatto irruzione negli uffici della Commerzbank, la seconda banca della Germania. La procura di Colonia è ancora a caccia di prove riguardanti il più grande scandalo fiscale del Paese, noto come “cum-ex“, dal nome delle operazione fiscali con cui una rete di banche e grandi azionisti ha ricevuto miliardi dalle tesorerie europee ottenendo indebitamente rimborsi per il pagamento della tassa sui dividendi, grazie a transazioni effettuate a cavallo del pagamento delle cedole. In Germania il danno totale causato dalle transizioni cum-ex è stimato in oltre dieci miliardi di euro.

“Oggi sono state prese misure investigative in relazione al caso cum-ex”, ha confermato il portavoce dei pubblici ministeri di Colonia, Rene Seppi, ad AFP. Anche il quotidiano Handelsblatt ha segnalato perquisizioni mirate verso Commerzbank. Un portavoce della banca ha affermato di non poter commentare le indagini in corso, aggiungendo però che “naturalmente stiamo cooperando pienamente con le autorità”. La scorsa settimana è iniziato un processo contro due ex banchieri britannici per 33 capi d’accusa per aver evaso almeno 400 milioni di euro (440 milioni di dollari) di entrate fiscali a partire dal 2006. I due erano dipendenti della controllata di Unicredit, Hypovereinsbank.

Perquisizioni sono state eseguite in Deutsche Bank, rivale di Commerzbank, con diversi dipendenti sotto inchiesta, così come nella sede di Clearstream Banking AG, controllata della Deutsche Börse. Il sospetto degli investigatori è che Clearstream – una delle principali società di compensazione – abbia aiutato i propri clienti a ottenere i rimborsi indebiti delle imposte sui dividendi. Hanno Berger, l’avvocato ritenuto l’artefice della truffa, è in attesa di giudizio da maggio. Un portavoce del ministero delle finanze ha dichiarato la scorsa settimana che sono già stati richiesti 2,4 miliardi di euro di rimborsi dopo che il ministero ha identificato 499 casi di sospetta frode collegati al caso cum-ex con un danno totale di 5,5 miliardi di euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nissan, l’amministratore delegato Hiroto Saikawa annuncia le dimissioni. “Ha percepito bonus illegittimi”

prev
Articolo Successivo

Agcom, Pd e M5s non hanno i numeri: per scegliere il nuovo presidente che vigilerà su Mediaset servono i voti di Forza Italia

next