Un raid imponente nella sede di Clearstream Banking AG, controllata della Deutsche Börse. L’operazione cominciata martedì mattina a Eschborn, vicino a Francoforte, è stata disposta su richiesta della procura di Colonia, come raccontano i siti dei quotidiani tedeschi Handelsblatt e Süddeutsche Zeitung, che sta indagando sul più grande scandalo fiscale della Germania, noto come “cum-ex“, dal nome delle operazione fiscali con cui una rete di banche e grandi azionisti ha ricevuto miliardi dalle tesorerie europee ottenendo indebitamente rimborsi per il pagamento della tassa sui dividendi, grazie a transazioni effettuate a cavallo del pagamento delle cedole. In Germania il danno totale causato dalle transizioni cum-ex è stimato in oltre dieci miliardi di euro.

Sulle operazioni di oggi non è stato reso noto alcun dettaglio. “Le ricerche sono condotte nel contesto di indagini contro clienti e dipendenti“, ha spiegato un portavoce della procura. Il sospetto degli investigatori, riportano i due quotidiani tedeschi, è che Clearstream – una delle principali società di compensazione – abbia aiutato i propri clienti a ottenere i rimborsi indebiti delle imposte sui dividendi. Per questo, scrive Handelsblatt, non è escluso che venga perquisita anche la sede principale, in Lussemburgo. In una precedente inchiesta, ancora in corso, un dipendente di Clearstream è accusato di aver avuto un ruolo nelle transazioni “cum-ex”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mediaset, Vivendi si mette di traverso contro il trasloco in Olanda. E il Biscione accusa i francesi di “comportamenti illeciti”

prev
Articolo Successivo

Crisi di governo, ferme le nomine in società pubbliche e authority. Già scaduti i vertici di Sace, Ansaldo Energia e Invitalia

next