Un prete di Alassio si è sentito male mentre era in gita a Cremona con i ragazzi di una scuola media di Savona, dove stava facendo una supplenza di un paio di settimane. A soccorrerlo sono stati gli stessi giovani, ma quando è arrivato in ospedale i medici hanno capito che l’uomo si era sentito male a causa dell’assunzione di droga.

Il fatto è avvenuto a giugno e il sacerdote ora segue un programma terapeutico e riabilitativo: “La vicenda è stata affrontata con tempestività. Non ci sono stati danni a terzi, soprattutto ai minori – ha spiegato all’Ansa il vescovo di Albenga-Imperia, Giacomo Borghetti – Il soggetto è stato ripreso da me, abbiamo parlato e ovviamente abbiamo concordato un piano terapeutico e di recupero e devo dire che è molto collaborativo“.

Il caso era rimasto riservato fino a oggi, quando la notizia ha iniziato a circolare ed è stato interpellato lo stesso vescovo per chiarire come siano andati i fatti. Monsignor Borghetti ha confermato che, comunque, il sacerdote è stato temporaneamente sospeso dagli impegni pastorali: “Mi sono stupito che notizie del genere escano soltanto ora”, ha commentato. Quanto all’evento in sé, il vescovo preferisce parlare di malore conseguente l’assunzione di sostanza stupefacente, più che di overdose: “Il termine overdose ha un significato clinico ben preciso – sottolinea Borghetti – Quella del malore è la versione più vicina alla verità”.

Se il sacerdote alla fine sarà o meno sospeso definitivamente dal proprio mandato pastorale “dipenderà dall’esito di questo percorso di recupero. Lui, comunque, mi sembra collaborativo, si è reso conto di aver commesso un errore. È come una persona che, saputo di aver contratto la polmonite, accetta di andare in ospedale. E ora è convalescente”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Battipaglia, 36mila evacuati per il disinnesco di ordigno bellico: 8 km di coda in autostrada

next
Articolo Successivo

Brescia, bloccati 114 siti internet pirata: offrivano illegalmente eventi sportivi, film e serie tv coperti dal diritto d’autore

next