Un prete di Alassio si è sentito male mentre era in gita a Cremona con i ragazzi di una scuola media di Savona, dove stava facendo una supplenza di un paio di settimane. A soccorrerlo sono stati gli stessi giovani, ma quando è arrivato in ospedale i medici hanno capito che l’uomo si era sentito male a causa dell’assunzione di droga.

Il fatto è avvenuto a giugno e il sacerdote ora segue un programma terapeutico e riabilitativo: “La vicenda è stata affrontata con tempestività. Non ci sono stati danni a terzi, soprattutto ai minori – ha spiegato all’Ansa il vescovo di Albenga-Imperia, Giacomo Borghetti – Il soggetto è stato ripreso da me, abbiamo parlato e ovviamente abbiamo concordato un piano terapeutico e di recupero e devo dire che è molto collaborativo“.

Il caso era rimasto riservato fino a oggi, quando la notizia ha iniziato a circolare ed è stato interpellato lo stesso vescovo per chiarire come siano andati i fatti. Monsignor Borghetti ha confermato che, comunque, il sacerdote è stato temporaneamente sospeso dagli impegni pastorali: “Mi sono stupito che notizie del genere escano soltanto ora”, ha commentato. Quanto all’evento in sé, il vescovo preferisce parlare di malore conseguente l’assunzione di sostanza stupefacente, più che di overdose: “Il termine overdose ha un significato clinico ben preciso – sottolinea Borghetti – Quella del malore è la versione più vicina alla verità”.

Se il sacerdote alla fine sarà o meno sospeso definitivamente dal proprio mandato pastorale “dipenderà dall’esito di questo percorso di recupero. Lui, comunque, mi sembra collaborativo, si è reso conto di aver commesso un errore. È come una persona che, saputo di aver contratto la polmonite, accetta di andare in ospedale. E ora è convalescente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Battipaglia, 36mila evacuati per il disinnesco di ordigno bellico: 8 km di coda in autostrada

prev
Articolo Successivo

Brescia, bloccati 114 siti internet pirata: offrivano illegalmente eventi sportivi, film e serie tv coperti dal diritto d’autore

next