Offrivano, in diretta e illegalmente, eventi sportivi, film e serie tv coperti dal diritto d’autore. Per questo la Guardia di Finanza di Brescia ha individuato e chiuso 114 siti internet, operanti in Italia. L’operazione, denominata “Free Football”, è stata fatta con il nucleo speciale tutela della privacy e frodi tecnologiche della Guardia di finanza di Roma e coordinata dalla procura di Brescia. Il gip del Tribunale della città lombarda ha emesso un decreto di sequestro preventivo che poi le fiamme gialle hanno notificato agli Internet service provider (Isp), tutti operanti in Italia.

Tutti i siti, secondo quanto accertato dai militari, riportavano veri e propri palinsesti organizzati, di immediata accessibilità per gli utenti, per facilitare la scelta del programma preferito. C’erano partite di calcio e contenuti audiovisivi di diverse tipologie offerti sia in diretta, che in modalità streaming on demand e senza un accorto stipulato con il legittimo distributore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Savona, prete in gita con una classe delle medie accusa un malore dopo aver assunto droga: sospeso temporaneamente

next
Articolo Successivo

Migranti, nave Ocean Viking salva 50 persone al largo della Libia. Commissione Ue coordina la ripartizione di quelle sulla Alan Kurdi

next