Asus si presenta alla fiera berlinese IFA 2019 con una carrellata di prodotti che comprende smartphone, smartwatch e computer portatili. Arrivano in Europa l’atteso ROG Phone 2, lo smartwatch VivoWatch SP, e una cascata di notebook delle famiglia ZenBook Pro Duo e di prodotti ProArt.

ASUS ROG Phone 2

Lo smartphone ROG Phone 2 si appresta ad arrivare in vendita in Italia con una dotazione che comprende 12 Gigabyte di memoria RAM e 512 GB di spazio di archiviazione (Elite Edition), che raddoppiano addirittura a 1 Terabyte nel caso della versione “Ultimate Edition”. Si tratta di uno smartphone indirizzato ai videogiocatori, quindi non c’è da stupirsi per la configurazione di fascia altissima, che comprende anche il processore Snapdragon 855+, uno schermo AMOLED da 6,59 pollici con risoluzione di 1.080 x 2.340 pixel. Lo schermo è inoltre compatibile con lo standard HDR10, ha un tempo di risposta di 1 millisecondo (più il valore è basso, meglio è) e una frequenza di aggiornamento di 120 Hz (più è alta, meglio è).

La doppia fotocamera posteriore con sensore principale da 48 Megapixel, il sistema di raffreddamento GameCool II sfrutta una camera di vapore 3D per tenere a bada i bollenti spiriti, e i due altoparlanti stereo frontali dovrebbero erogare suoni di qualità.

Non mancano gli accessori espressamente creati per giocare, le partnership strette da Asus con alcune tra le principali software house del gaming mobile, come Blazing Games Inc., Capcom, Gameloft, MADFINGER Games e Pixelbite.

I prezzi sono di 899 euro per la Elite Edition e di 1.199 euro per la Ultime Edition. La prima è già in vendita presso i punti vendita autorizzati; la seconda sarà disponibile in esclusiva sul negozio online ASUS eShop tra ottobre e novembre.

ASUS VivoWatch SP

VivoWatch SP è uno smartwatch focalizzato su chi pratica sport ed è attento alla salute. La dotazione include sensori ECG e PPG che elaborano i dati mediante la tecnologia proprietaria HealthAI, che monitora 24 ore su 24, in tempo reale, i principali parametri relativi allo stato di benessere, come frequenza cardiaca, livello di ossigenazione del sangue (saturazione), indice di attività nervosa autonoma (ANS – Autonomic Nervous System age), livello di stress e pressione sanguigna.

Chi ama allenarsi all’aperto gradirà la presenza di un sensore GPS integrato, i cui dati concorreranno poi a tracciare le statistiche nell’app ASUS HealthConnect, con mappe, velocità, distanza, durata e ritmo di allenamento. La funzione di coaching serve per impostare un ritmo personalizzato ritmo di allenamento, così che il VivoWatch SP possa monitorare la velocità di chi lo indossa durante la corsa, e vibrare se si supera o si scende al di sotto del valore impostato.

VivoWatch SP è inoltre impermeabile fino a 50 metri di profondità (5 ATM), e stando ai dati ufficiali dovrebbe garantire un’autonomia fino a 14 giorni. al momento non sono state diffuse le informazioni ufficiali circa prezzi e disponibilità.

Gamma ProArt

ProArt è la famiglia di dispositivi Asus pensata per i creativi, che a questo giro si arricchisce di quattro nuovi dispositivi. Il Display PA32UCG è il primo schermo HDR 1600 al mondo con frequenza di aggiornamento di 120 Hz variabile. Ha una risoluzione 4K e una retroilluminazione mini LED. Il monitor è certificato VESA, supporta una luminosità a schermo interno di 1.000 candele al metro quadro e un rapporto di contrasto di 1.000.000:1.

Questo accessorio si può collegare ai nuovi notebook della gamma ProArt: Studio Book One e Stubio Book Pro X. Entrambi sono equipaggiati con scheda grafica Nvidia Quadro RTX (6000 per il primo modello e 5000 per il secondo) e hanno in dotazione i più recenti processori Intel Core i9 di nona generazione. Il raffreddamento della base è affidato a un modulo termico in lega di titanio; inoltre, i componenti che generano calore sono posizionati dietro al display per garantire maggiore comfort all’utente, anche quando usa il notebook appoggiato sulle ginocchia.

Il display ha risoluzione 4K UHD ed è certificato Pantone, ha una frequenza di aggiornamento di 120Hz, supporta al 100% la gamma colore Adobe RGB. Lo StudioBook Pro X integra lo ScreenPad 2.0 di ASUS, un touchscreen secondario interattivo.

Chiude questa gamma il computer desktop Station D940MX, che è compatto ma potente, grazie al processore Intel Core i9 di nona generazione, fino a 26 GB di memoria e grafica Nvidia Quadro RTX 4000 o GeForce RTX 2080 Ti.

I prezzi di tutti i prodotti ProArt non sono ancora stati comunicati.

ZenBook Pro Duo UX581 e UX481

Questi due notebook sono equipaggiati con lo ScreenPad Plus (il secondo display integrato sopra alla tastiera) e si distinguono anzi tutto per le dimensioni dello schermo: 15,6 pollici per l’UX581 e 14 pollici per l’UX481. Il primo ha in dotazione processori fino a Intel Core i9 di nona generazione, un massimo di 32 GB di memoria RAM, uno spazio di archiviazione fino a 1 TB e scheda grafica Nvidia GeForce RTX 2060. Lo schermo da 15,6 pollici ha risoluzione 4K UHD (3840 x 2160), è certificato Pantone.

Per quanto riguarda invece l’UX 481, il processore è un modello Intel Core i7 di decima generazione, la scheda grafica è una GeForce MX250, lo schermo ha una risoluzione Full-HD ed è anch’esso certificato pantone. Entrambi dispongono della connettività wireless Intel Wi-Fi 6 (Gig+). Anche per questi prodotti non si conoscono ancora i prezzi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Facebook disattiva il riconoscimento facciale automatico, chi lo vuole lo dovrà chiedere

next
Articolo Successivo

Truffe online, avete vinto un telefonino? Vi assicuro che è una fregatura

next