Prima che muoia il nostro adorato cagnolino o anche dopo la sua dipartita regaliamo agli amici il nostro pensiero addolorato con un post. Uguale uguale a ciò che succede quando viene a mancare la mamma. Figurarsi se ci sposiamo.

In questo mondo di clic ci fa strano invece che la politica si eserciti attraverso il mouse. Diffidiamo. Diciamo no alla democrazia digitale. Alla piattaforma digitale, al voto online. Vorremmo corpi veri e piazze piene. Vorremmo, insomma, un mondo senza clic. E con un clic lo spieghiamo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, un cardinale al governo: perché l’arcivescovo Zuppi sarebbe la nomina giusta

next
Articolo Successivo

E se Salvini chiederà (con un referendum) il ritorno al maggioritario?

next