Prima che muoia il nostro adorato cagnolino o anche dopo la sua dipartita regaliamo agli amici il nostro pensiero addolorato con un post. Uguale uguale a ciò che succede quando viene a mancare la mamma. Figurarsi se ci sposiamo.

In questo mondo di clic ci fa strano invece che la politica si eserciti attraverso il mouse. Diffidiamo. Diciamo no alla democrazia digitale. Alla piattaforma digitale, al voto online. Vorremmo corpi veri e piazze piene. Vorremmo, insomma, un mondo senza clic. E con un clic lo spieghiamo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, un cardinale al governo: perché l’arcivescovo Zuppi sarebbe la nomina giusta

prev
Articolo Successivo

E se Salvini chiederà (con un referendum) il ritorno al maggioritario?

next