Si chiama Fabio Gaudenzi. E’ stato condannato nel processo a Mafia Capitale. In un video pubblicato su YouTube sostiene di sapere chi ha ucciso Fabrizio Piscitelli, capo ultrà della Lazio conosciuto come Diabolik. Oggi è stato arrestato a Roma per possesso di armi da guerra e verrà sentito dai magistrati della Dda di Roma.

“Tra poche ore finirà tutto – dice l’uomo in un video pubblicato il 2 settembre – mi sto consegnando alla polizia di Stato. Io, Fabio Gaudenzi, dopo 30 anni ho deciso di arrendermi visto che sono rimasto solo. Tutti i miei amici sono morti o in galera”. “Con la morte eccellente di un amico e per un segno del destino. Veniamo a voi, infami. Ho iniziato 30 anni fa la mia carriera politico-criminale, come dicono, con la morte eccellente di un amico e per un segno del destino si chiude oggi con un’altra morte eccellente”, quella di Piscitelli. “Faremo di tutto per vendicarti, Fabrizio”, aggiunge Gaudenzi riferendosi a Diabolik, freddato con un colpo di pistola alla luca la sera del 7 agosto mentre si trovava nel parco degli Acquedotti, nella Capitale.

Che poi stila una lista ” di nomi di uomini, di donne, di giovani, di vecchi che in questi 30 anni hanno pensato bene di comportarsi da merde nei nostri confronti” tra cui un maresciallo dei carabinieri. “Avete tutti tre mesi di tempo per lasciare la nostra città – afferma l’uomo – dopodiché il diavolo vi verrà a cercare e se sarete ancora a Roma non morirete solo voi, ma anche i vostri cari. Ricordatevi tutti che lo zoppo non dimentica“, conclude Gaudenzi estraendo una pistola e mostrandola alla videocamera.

In un secondo filmato Gaudenzi nega l’appartenenza a un clan mafioso e sottolinea la matrice politica della sua azione e di quella dei suoi sodali: “Mi chiamo Fabio Gaudenzi, sono nato a Roma il 3-3-1972 – dice l’uomo nel video, pubblicato lo stesso giorno – Appartengo dal 1992 a un gruppo elitario di estrema destra denominato ‘I fascisti di Roma Nord’, con a capo Massimo Carminati”. “Mi consegno consapevole di subire dei processi”, afferma l’uomo.

“Siamo i ‘Fascisti di Roma Nord’- dice – e ora vi do la lista: Fabio Gaudenzi, Fabrizio Piscitelli, Luca Carroccia, Fabrizio Carroccia, Elio Di Scala, Maurizio Boccacci, Brugia Riccardo e Massimo Carminati. Mi consegno consapevole di subire dei processi, ma vorrei essere processato e se giusto condannato per banda armata, come dovrebbe essere per Massimo Carminati e Riccardo Brugia”.

“Noi non siamo mafiosi, ma siamo fascisti – afferma – lo siamo sempre stati e lo saremo sempre. A Massimo Carminati la mafia fa schifo, la droga fa schifo e anche a me fa schifo tutto questo, ma ne parleremo presto. Mi sto consegnando al Questore di Roma e parlerò del mandante dell’omicidio di Fabrizio Piscitelli e di tanto tanto altro, ma solo con il dottor Gratteri. Perché questa è la mafia vera, e non quella del 2014 (alludendo a Mafia capitale). Grazie e a presto”.

L’uomo è stato arrestato dai poliziotti della Squadra Mobile per possesso di armi da guerra. A quanto si apprende stamattina i vicini di casa avevano segnalato alle forze dell’ordine di aver sentito alcuni colpi di arma da fuoco. Intervenute sul posto le forze dell’ordine Gaudenzi avrebbe chiesto di parlare con la Polizia. Una volta in casa i poliziotti hanno trovato un revolver e una mitraglietta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, donna uccisa dal marito a coltellate: attivato il codice rosso quattro giorni prima

prev
Articolo Successivo

Siena, donna di 84 anni picchiata a morte nel suo letto: confessa il figlio di 45 anni

next