Battuta d’arresto per il mercato del lavoro a luglio. Dopo cinque mesi di crescita, a luglio secondo l’Istat l’occupazione ha registrato un “lieve calo” nel confronto mensile. Il numero delle persone che hanno un posto scende di 18mila unità rispetto a giugno: dopo quattro mesi di aumento diminuiscono di 46mila unità i lavoratori dipendenti, soprattutto quelli stabili (-44mila). Segno meno anche per gli occupati a termine (-2mila), mentre aumentano gli indipendenti (+29mila). Il tasso di occupazione passa al 59,1% (-0,1 punti percentuali). Su base annua l’occupazione resta comunque in crescita dello 0,8%, pari a 193mila unità in più, e si contano 197mila dipendenti permanenti in più mentre sono in lieve calo gli indipendenti. L’espansione riguarda sia donne sia uomini e tutte le classi d’età fatta eccezione per i 35-49enni.

In lieve aumento il tasso di disoccupazione, che resta sotto il 10% ma torna al 9,9%, il livello di maggio, risalendo rispetto al 9,7% (rivisto al rialzo al 9,8%) di giugno. Le persone in cerca di lavoro aumentano di 28mila unità su base mensile (+1,1%). I disoccupati in Italia si attestano così a 2 milioni e 566mila. Tuttavia a confronto con luglio 2018 continua a registrarsi una diminuzione (-121mila disoccupati). E il tasso si mantiene sotto la soglia del 10% per il terzo mese di seguito.

Nel trimestre crescita consistente degli occupati – Nel trimestre maggio-luglio l’occupazione secondo Istat “è in crescita consistente rispetto ai tre mesi precedenti”, di 101mila unità. Nello stesso periodo aumentano sia i dipendenti permanenti (+0,6%, +84mila) sia quelli a termine (+0,6%, +18mila) mentre risultano invariati gli indipendenti. Si registrano segnali positivi tra i 15-24enni e gli ultracinquantenni, negativi per i 35-49enni e di sostanziale stabilità tra i 25-34enni. All’aumento degli occupati si associa, nel trimestre, il calo delle persone in cerca di occupazione pari a -91 mila e degli inattivi tra i 15 e i 64 anni, -24mila.

Penisola terza nell’Eurozona per tasso di disoccupazione – I dati Eurostat diffusi sempre venerdì mostrano che l’Italia è terza nell’Eurozona per tasso di disoccupazione dietro Grecia (17,2%) e Spagna (13,9%). Rispetto a un anno fa, il tasso è diminuito in 25 Stati membri mentre è aumentato in Lussemburgo (dal 5,6% al 5,7%), in Lituania (dal 6,1% al 6,4%) e in Svezia (dal 6,3% al 6,8%). I maggiori decrementi sono stati registrati in Grecia (dal 19,4% al 17,2% tra maggio 2018 e maggio 2019), Croazia (dall’8,4% al 7,1%), Cipro (dall’8,3% al 7,0%), Slovacchia (dal 6,5% al 5,3% ) e Spagna (dal 15% al 13,9%). Il tasso di disoccupazione destagionalizzato dell’area dell’euro è stato del 7,5% a luglio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, l’Inps sui primi 6 mesi 2019: “Ancora in aumento i contratti indeterminati, 321mila in più. Anno su anno +60% stabilizzazioni”

next
Articolo Successivo

Reddito, stop allo sciopero della fame dei quattro navigator campani: “Siamo in grave stato di salute. Ma non ci hanno ascoltato”

next