“Nessun risentimento personale, ma sui risarcimenti non torno indietro”. Maria Elena Boschi dice che voterà “a fatica” la fiducia al ‘Conte due’ sostenuto da M5s e Pd, ma non rinuncia alle querele in sospeso con gli esponenti pentastellati accusati di averla diffamata nel corso degli ultimi anni. In un’intervista al Messaggero, l’ex ministra e sottosegretaria dice che “non rinuncio a nessuna causa” e prova a tenere le distanze dal nuovo alleato.

“Mi sembra molto complicato”, afferma parlando di possibile alleanze o patti di desistenza con i pentastellati alle prossime regionali: “Una cosa è un accordo di governo, altro un matrimonio politico. Non correrei troppo”. Sui futuri ministri, Boschi spiega che “non si commenta mai il totonomine” ma poi si lascia andare a un endorsement a Paolo Gentiloni come commissario Ue: “Ho lavorato per quattro anni con lui. Se sarà il prescelto penso che sarà una scelta di qualità per l’Italia. Ci sono varie persone capaci e competenti che possono avere il profilo adatto, vedremo”. Poi assicura: “Per noi – renziani, ndr – già sarà una fatica votare la fiducia al Governo coi grillini, impossibile anche farne parte. Penso che Zingaretti designerà le donne e gli uomini più adatti”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte 2, Salvini: “E’ un Monti bis. Speriamo che non nasca”. Il leghista attacca solo il Pd e spera nel voto su Rousseau

next
Articolo Successivo

Crisi, M5s riunito a cena dopo le consultazioni. Bonafede: “Lavoriamo per il bene del Paese”

next