Dopo i due Challenger (Bergamo e Lexington) e i due Future (Trento e Santa Margherita di Pula) conquistati nel 2019, il 18enne altoatesino Jannik Sinner continua a stupire qualificandosi per la prima volta in carriera per il tabellone principale di uno Slam, quello degli Us Open, al termine del match vinto contro lo spagnolo Vilella Martinez per 7-6 6-0. Al via il prossimo 26 agosto sui campi in cemento di Flushing Meadows, l’ultimo Major della stagione regalerà al nativo di San Candido un avversario di lusso al primo turno: il n. 23 al mondo Stanislas Wawrinka, tre volte campione Slam e vincitore a New York, nel 2016, contro Novak Djokovic.

Arrivato al termine di un tabellone di qualificazione nel quale ha superato, oltre allo spagnolo, Matteo Viola e Galovic (recuperando un set di svantaggio e annullando ben quattro match point), questo risultato rappresenta un nuovo passaggio fondamentale per Sinner, in un processo di crescita sportiva che procede a ritmo esponenziale sia dal punto di vista tecnico che caratteriale. Un percorso netto nel quale ha lasciato per strada solo un parziale e dove si è tolto il lusso di rifilare ben due “bagel”, a Viola e Vilella Martinez. Contro lo spagnolo n. 202 del mondo, Sinner ha messo sul campo numeri che hanno certificato una superiorità e una sicurezza nei propri mezzi assoluta: 96% di punti vinti con la prima di servizio contro il 58% di Vilella Martinez, 48% di punti vinti in risposta contro 23% e 70 punti vinti in totale contro 47.

Passato in otto mesi dalla posizione 553 alla 131 del ranking Atp (nella race stagionale invece è attualmente alla posizione 104), Sinner è il primo classe 2001 del tennis a entrare nel main draw di un Major. A diciotto anni appena compiuti (li ha festeggiati lo scorso 16 agosto), è inoltre l’italiano più giovane a partecipare al tabellone principale di uno Slam dai tempi di Diego Nargiso, presente agli Australian Open nel 1988 all’età di diciassette anni e dieci mesi. Il secondo azzurro più giovane della storia a riuscirci, davanti a mostri sacri del nostro tennis come Corrado Barazzutti, Adriano Panatta e Nicola Pietrangeli.

Gli altri azzurri – Niente da fare invece per Paolo Lorenzi. Il numero 136 della classifica è stato sconfitto al tie-break del terzo set dal ceco Jiri Vesely, numero 140 al mondo, per 4-6 7-5 6-7 dopo una battaglia di 3 ore e 35 minuti. Oltre a Sinner, gli altri azzurri nel tabellone principale sono Fabio Fognini, Matteo Berrettini, Marco Cecchinato, Lorenzo Sonego, Andreas Seppi e Thomas Fabbiano.

Foto da Instagram

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ginnastica, l’addio di Katelyn Ohashi è da applausi: l’ultimo esercizio dell’atleta americana ottiene il massimo del punteggio

next
Articolo Successivo

Serie A, perché detesto il Var (e anche voi dovreste)

next