Al termine della riunione dei gruppi parlamentari il M5s chiude con Matteo Salvini: “Non è mai stato affidabile” afferma Luigi Gallo e Stefano Buffagni aggiunge: “Come fai a fidarti di chi ti ha tradito”, ma dubita anche del Pd: “Renzi è un altro inaffidabile”. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio del governo Conte rilancia la strada del dialogo con il Partito Democratico: “Noi lavoriamo sulla base del ‘contratto di governo’ perché non ci fidiamo né dell’uno né dell’altro”. Anche se i vertici dem hanno già bocciato questo metodo. “Io non ho preferenze per nessuno, per me si può andare anche a votare. Salvini è tornato ad aprire al Movimento? Vuol dire che ha paura, il superuomo che vince sempre non ha vinto, capita anche a lui” conclude Buffagni.

Poco distante da Montecitorio incontriamo Alessandro Di Battista, che evita di rispondere a molte delle domande dei cronisti, ma plaude ai ‘10 punti‘ annunciati da Di Maio al termine delle consultazioni con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “li condivido al mille per mille” e al discorso di Giuseppe Conte nell’Aula del Senato, che definisce “un ottimo discorso”. Poi Di Battista corre letteralmente via da ulteriori domande.

Ma lo ritroviamo alla riunione dei big del Movimento, in un appartamento distante dai palazzi del Parlamento. Assieme a lui, Luigi Di Maio, Riccardo Fraccaro, Alfonso Bonafede, Pietro Dettori, Paola Taverna, Vito Crimi e i capogruppo Patuanelli e D’Uva. Quest’ultimo al termine della riunione annuncia: “Domani (venerdì, ndr) nel pomeriggio incontriamo i capogruppo del Partito Democratico. Sono ottimista per questo dialogo perché le basi ci sono e siamo fiduciosi perché siamo tutte persone serie ed affidabili”. La trattativa si chiuderà positivamente? “A questa sera non riesco a fare un pronostico simile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Crisi di governo, Di Maio: “Non mi importa della poltrona. Il dialogo con i dem deve partire dal taglio dei parlamentari”

next
Articolo Successivo

Crisi, la base leghista dopo il discorso di Mattarella: “Siamo pronti a scendere in piazza”

next