Il grande colpo di mercato promesso dalla nuova proprietà Commisso è arrivato. Dopo il braccio di ferro (probabilmente) vinto per trattenere Federico Chiesa in maglia viola, mercoledì all’aeroporto di Peretola è atterrato, intorno alle 10.45 con un aereo privato, Franck Ribéry, stella ex Bayern Monaco. Ad accoglierlo una delegazione della società di viale Manfredo Fanti, guidata da Giancarlo Antognoni e Dario Dainelli che gli hanno subito fatto indossare maglia e sciarpa viola. “Sono contento, felice. Ho già parlato con le persone della Fiorentina, ho parlato anche con Luca Toni che mi ha detto che la Fiorentina è un club grande, che la città è bella – ha commentato il calciatore ai microfoni dei giornalisti e davanti a decine di tifosi arrivati a Peretola per accoglierlo – Mi piace anche la lingua italiana, anche se ancora non la parlo perfettamente”. Adesso il giocatore, che dovrebbe prendere la maglia numero 7 precedentemente scelta da Pulgar, si sottoporrà alle visite mediche di rito prima della firma sul contratto.

La trattativa tra l’attaccante e la società di Rocco Commisso, secondo quanto rivelato dagli esperti di calciomercato negli ultimi giorni, va avanti da inizio luglio. La concorrenza, soprattutto economica, era proibitiva, visto che a far squillare il telefono del suo agente sono stati club arabi, con offerte stratosferiche, e anche americani e russi come la Lokomotiv Mosca. Ma, consigliato anche dall’ex bomber viola, Luca Toni, Ribéry ha deciso di mettersi di nuovo in gioco, a 36 anni, in un campionato di alto livello come la Serie A. Per lui, secondo le prime indiscrezioni, è pronto un biennale da 4 milioni di euro netti a stagione che potrebbero trasformarsi in 5 con i bonus legati ai risultati del club in campionato.

A far tribolare i tifosi gigliati, negli ultimi giorni, sono stati soprattutto gli ammiccamenti social sui profili social del francese e della moglie, Wahiba. “Pronto per una nuova sfida”, aveva scritto su Instagram il fantasista, con Luca Toni che lo aveva provocato chiedendogli se fosse pronto ad arrivare in Italia. Lui aveva risposto facendo l’occhiolino. Poi, poche ore dopo, le stories della moglie in cui sono iniziati a comparire cuori viola hanno fatto capire al popolo del Franchi che l’arrivo del campione tanto atteso era imminente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Juventus, Sarri non partecipa all’ultimo allenamento sul campo: “Ha la polmonite”. Tra 5 giorni la sfida di Serie A contro il Parma

next
Articolo Successivo

Maurizio Sarri, il tecnico della Juventus non sarà in panchina nelle prime due giornate di Serie A: salta il big match contro il Napoli

next