“Avevo 16 anni, fu un atto di ribellione“. Il primo passo della carriera politica di Sandro Gozi è avvenuto negli anni ’80 nel Fronte della Gioventù, organizzazione giovanile del Movimento Sociale Italia. Lo rivela Il Primato Nazionale, organo di stampa vicino a Casa Pound Italia, che ha pubblicato una foto che ritrae un giovanissimo ex sottosegretario con delega alle Politiche Europee dei governi Renzi e Gentiloni, insieme allo storico leader missino, Giorgio Almirante. Gozi è stato recentemente chiamato dal presidente francese Emannuel Macron, fra le polemiche, ad occupare la stessa carica che ricopriva per l’Esecutivo italiano.

“Il mio migliore amico era il segretario locale del Fronte della Gioventù – ha confermato Gozi alle agenzie di stampa – Venivo da una famiglia di centrosinistra e il mio fu un atto di ribellione. Ci ho messo molto poco a capire che quella non era la mia strada“. La foto fu scattata durante una visita di Almirante a Cesena. “Mi sono avvicinato un po’ per amicizia e un po’ per curiosità – ha spiegato l’ex sottosegretario – ma ho subito capito che non era roba per me. Il mio primo voto fu infatti per il Pri. D’altra parte mi pare che Salvini frequentasse il Leoncavallo”, ha concluso, alludendo al noto centro sociale milanese.

Il “quotidiano sovranista” ha anche pubblicato il registro dei tesseramenti del centro provinciale del Fronte della Gioventù di Forlì. Alla data indicata sul foglio c’è scritto “anno 90, come se si trattasse del 1990 – in quel caso Gozi avrebbe avuto 22 anni – e alla voce “attività” si legge “studente universitario”. Dalla redazione del Primato Nazionale riferiscono che le fonti parlano di una “adesione partecipata dal 1984 al 1987” e di una elezione nel consiglio d’istituto del Liceo classico ‘V. Monti’ di Cesena, avvenuta dopo la candidatura nella lista Fare Fronte. Su questi ultimi particolari, tuttavia, non vi sono ancora conferme.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

E se Salvini fosse affetto dalla ‘sindrome di Craxi’?

prev
Articolo Successivo

Crisi di governo, a che punto siamo dopo 9 giorni: la retromarcia di Salvini, le parole di Conte e le ipotesi di accordo Pd-M5s

next