Mezze frasi, risposte evasive e segnali confusionari per lasciar intendere che comunque vada non è la Lega che chiude, ma i 5 stelle che continuano a dire di no. Matteo Salvini le prova tutte, anche nel giorno di Ferragosto. Quando mancano ancora cinque giorni all’intervento del premier Giuseppe Conte alle Camere, il Carroccio non nasconde le difficoltà ad uscire dalla crisi di governo e prova a tenersi aperte tutte le strade. “La mozione di sfiducia resta”, ha detto ai giornalisti Salvini. Però, “il mio telefono è sempre acceso”. E pure: “Sono l’uomo più paziente del mondo”. Quindi addirittura: “Di no un governo muore, abbiamo bisogno di sì. Se qualcuno dice sì, allora ragioniamo. O c’è un governo del sì, con ministri del sì… o l’unica via sono le elezioni”. Un modo velato per buttare nel tritacarne delle dichiarazioni di queste ore la proposta di un maxi-rimpasto che però, nei fatti e allo stato attuale sembra irricevibile per i 5 stelle. Per evitare ambiguità, Luigi Di Maio ci ha messo pochi minuti a preparare una controrisposta: “Ora è pentito”, ha scritto su Facebook, “ma ormai la frittata è fatta. Ognuno è artefice del proprio destino. Buona fortuna“. Perché “ha fatto tutto da solo, per tornare dopo nemmeno 24 ore nelle braccia di Berlusconi”. Quindi ha garantito: “Il 20 agosto noi ministri del Movimento 5 stelle saremo al fianco di Conte in Aula per sostenerlo contro la sfiducia della Lega”. La ferita tra i gialloverdi sembra insanabile, almeno per i grillini che sono sempre più tentati dal formare una nuova maggioranza con il Partito democratico. Una linea, quella di Di Maio, sposata poco dopo anche da Alessandro Di Battista che, sempre su Facebook, ha definito il leghista “il ministro del Tradimento”.

Insomma Salvini ha già ricevuto due porte in faccia e da due degli esponenti più ascoltati dentro i 5 stelle. Tanto che in serata ha provato a riaddrizzare ancora il suo discorso: “Sventeremo con ogni mezzo possibile un nuovo sciagurato patto della mangiatoia e dell’invasione. Farò tutto quello che è umanamente e democraticamente possibile perché Renzi e la Boschi non governino più”. La frase è un chiaro riferimento ai contatti in corso in queste ore tra i 5 stelle e il Pd, che, se andassero a buon fine, porterebbero la Lega all’opposizione per un tempo più o meno lungo e permetterebbero al Carroccio di riprendere alcuni dei cavalli di battaglia da campagna elettorale contro i “nemici di sempre” Renzi e Boschi. Un assaggio è stato proprio in Senato due giorni fa, quando Salvini è intervenuto da senatore e per tutto il suo discorso ha attaccato Renzi senza mai prendersela direttamente con “gli amici dei 5 stelle”.

A rendere ancora più complicato la riapertura del dialogo con i grillini c’è anche lo scontro che Salvini ha avuto in giornata con lo stesso premier. Che gli ha scritto una lettera aperta per smentire le sue ricostruzioni sul caso Open Arms, la nave bloccata al largo di Lampedusa con 147 migranti a bordo. Conte ha accusato il ministro dell’Interno di aver detto che lui vuole far sbarcare i migranti, mentre “ha solo chiesto tutela per i minori”. Per il presidente del Consiglio quella è stata l’ennesima prova di “slealtà” e non ha mancato di ricordargli che “l’esperienza di governo è agli sgoccioli” e che, in questi mesi, ha cercato di trasmettergli l’importanza della “dignità delle istituzioni” e l’importanza della “responsabilità” della politica. Insomma parole che rendono davvero difficile immaginare una pace imminente. Tanto che quando, nel corso della conferenza stampa di Ferragosto, hanno chiesto a Salvini se fosse vero che aveva detto a Conte che apriva la crisi “per capitalizzare il consenso”, il leghista ha detto che “è falso”. Di fatto accusando il premier di aver mentito.

Di Maio chiude alle aperture di Salvini: “E’ inutile che ora sbraiti. La frittata è fatta” – La chiusura ai segnali di pace di Salvini è arrivata da Di Maio in persona con un post su Facebook. “Questo è stato il governo”, ha esordito Di Maio, “che ha ridotto il numero di sbarchi in Italia, grazie al lavoro di tutti. Salvini di punto in bianco ha deciso di farlo cadere. Quindi è inutile che ora sbraita, è colpa sua se oggi ci troviamo in questa situazione. E il Paese è più debole anche per i ricollocamenti degli immigrati negli altri Stati europei. Ha aperto una crisi che, peraltro, ora rischia di far aumentare l’IVA a milioni di famiglie e che potrebbe mandare a casa migliaia di lavoratori: non riesco ad approvare il decreto per fermare chiusura di Whirlpool a Napoli e altre questioni pendenti”. Di Maio ha anche accusato Salvini di aver fatto cadere il governo non solo per il consenso politico, ma anche per evitare il taglio dei parlamentari e l’apertura del dossier delle concessioni: “Lo ha fatto solo per il consenso. Lo ha fatto per qualche sondaggio? Non solo! Anche perché stavamo per togliere le concessioni ai Benetton e stavamo per tagliare 345 parlamentari che lui non vuole tagliare più”.

Il capo politico 5 stelle ha anche criticato il fatto che il ministro dell’Interno non si sia ancora dimesso, mentre annuncia la sfiducia al premier Conte: “C’era un contratto, lui lo ha strappato”, ha scritto Di Maio. “Non solo: adesso ha chiesto anche di sfiduciare il governo stesso di cui fa ancora parte, visto che non si e’ dimesso. Anche su questo, giorni fa aveva tuonato ‘siamo pronti a dimetterci tutti, vedrete…’. Sono passati 5 giorni ma stanno ancora tutti lì attaccati alla poltrona… Deve far comodo, evidentemente, avere l’auto blu e i voli di Stato mentre si fa campagna elettorale nelle spiagge! Ha fatto tutto da solo, per tornare dopo nemmeno 24 ore nelle braccia di Berlusconi. Ora è pentito, ma ormai la frittata è fatta. Ognuno è artefice del proprio destino. Buona fortuna!”.

Infine nel merito della replica di Salvini alla lettera di Conte e alla recriminazione che il premier avrebbe dovuto parlargli in faccia: “Per quanto riguarda la risposta a Conte (“Me lo dica in faccia”) siamo al paradosso. Parla lui, che in faccia a noi non ha mai detto nulla. Parla lui, che ha mandato tutto all’aria senza una motivazione, annunciando la crisi di governo da uno stabilimento balneare dopo essersi preso due settimane di ferie. È facile fare i duri a parole. Duro devi esserlo nella vita e con chi se lo merita, non con dei bambini. Se stai al governo e sei un ministro di questa Repubblica devi essere duro con i colossi e con le multinazionali che sfruttano il nostro Paese e i cittadini. Devi essere duro con Autostrade ad esempio, dopo che 43 persone innocenti hanno perso la vita perché un ponte gli è crollato sotto i piedi. E invece la Lega hanno passato un anno a difenderla Autostrade…Questi sono i fatti. Questa è la realtà. Il 20 agosto noi Ministri del Movimento 5 Stelle saremo al fianco di Giuseppe Conte in aula per sostenerlo contro la sfiducia della lega. Li aspettiamo al varco!”.

Di Battista: “Il ministro del tradimento dà segni di pedimento” – Dentro i 5 stelle la linea sembra essere molto netta, almeno per il momento. Se per capire la fattibilità del ritorno alle urne o la nascita di una nuova maggioranza preferiscono aspettare il Colle e soprattutto le parole di Conte, intanto cercano di tenere le distanze dal Carroccio. E pure Di Battista, l’ex deputato M5s che finora è stato favorevole per le elezioni al più presto, è intervenuto su Facebook per ribadire le parole di Di Maio: “Il ministro del tradimento inizia a dare cenni di pentimento”, ha scritto. “Forse gli sta passando l’hangover provocato dalla settimana ‘papeetiana’ o forse una serie di ministri leghisti ai quali aveva promesso scatti di carriera, potere assoluto e mesi di open bar iniziano a lamentarsi. C’è il rischio che perdano la poltrona e stanno tutti in fibrillazione”. Secondo Di Battista, dietro le nuove strategie di Salvini, ci sarebbe anche l’ex senatore forzista Denis Verdini: “Oltretutto pare che il suocero Verdini sia stato avvistato in un ristorante romano con i capigruppo della Lega Nord di Camera e Senato (che brutta fine!) a parlar di strategia politica e di conservazione del potere ad ogni costo. Salvini ha tradito, ha creato disordine e adesso non sa che fare. Altro che uomo forte al comando. Fino al 20 agosto vada in vacanza”.

Di Battista ha anche parlato della sua opinione sull’operato M5s, fronte su cui molte volte era stato critico: “Il Movimento ha commesso alcuni errori ma ha fatto del gran bene a questo Paese”. Perché, “il Movimento è composto da persone serie e per bene che non meritano grottesche pantomime salviniane come non le merita il Paese. Semmai il Movimento 5 Stelle dovesse avere ancora un qualsiasi rapporto istituzionale con la Lega Nord pretenda interlocutori più seri e preparati del Ministro del Tradimento. Al netto delle critiche che ho sempre mosso alla Lega posso dire che al suo interno ci sono persone molto più credibili di Salvini. Sono le stesse persone che in queste ore lo stanno trattando come un inetto che, nonostante 26 anni di politica, continua ad ignorare le regole democratiche”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Open Arms, firmare il decreto di Salvini significa andare contro l’ordine del Tar. Trenta: “Possibile violazione di norme penali”

prev
Articolo Successivo

Politica, pieni poteri e seduzione delle masse

next