Io e mio marito vorremmo un figlio. Naturalmente non possiamo avere dei figli. Qualora un giorno la legge permettesse l’adozione a me farebbe molto piacere poter adottare un bambino. Ovviamente un animale domestico non è un surrogato e non è neanche paragonabile, ma avere un altro essere vivente dentro casa ti da la sensazione che puoi fare qualcosa per qualcun altro”. A rivelarlo è Pierluigi Diaco, il conduttore che dal 17 giugno scorso è in tv con il suo nuovo programma Io e te, in onda su Rai 1. Ospite di Paola Perego a Non disturbare, Diaco ha parlato molto della sua vita privata, spiegando che al momento lui e Alessio devono “accontentarsi” dell’affetto per il loro cane bassotto Ugo, che ha definito “il sentimento e l’amore che ci unisce sotto forma di un animale domestico”.

Poi il conduttore ha confessato anche un ricordo legato ai suoi genitori. Suo padre infatti è scomparso quando lui aveva solo 5 anni: “Amava la musica – ha detto il giornalista –, vivere la sera con gli amici e con mia mamma andavano spesso a ballare”. La madre, invece, è stato il pilastro della sua educazione: “Mi ha insegnato la disciplina e il senso del dovere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gerry Scotti racconta i primi lavori: “Ecco cosa facevo dopo la scuola”

next
Articolo Successivo

Netflix, Torino cura una malattia mai diagnosticata a 22enne americana: il caso nella nuova serie ‘Diagnosis’

next