Gerry Scotti ha compiuto 63 anni e per l’occasione è stato contattato telefonicamente da Rudy Zerby che ha voluto fargli gli auguri in diretta dai microfoni di Radio Deejay. I due hanno scherzato insieme e poi il conduttore lombardo è tornato indietro con la memoria, ricordando quelli che sono stati i suoi primi lavoretti quando ancora non era iniziata la sua carriera in tv.

“Era buona abitudine nostra negli anni ’70, quando si finiva la scuola, andare a fare qualche lavoretto per pagarsi le vacanze, gli studi o le iscrizioni alle università” ha raccontato con un velo di nostalgia Gerry. “Ho stampato guarnizioni in cartone, nel ’72, e le 400 mila lire guadagnate le usai per andare in vacanza a Lignano Sabbiadoro. L’anno dopo ho consegnato libri di testo...facevo lo spacciatore di libri di scuola“, ha scherzato. Poi il suo ricordo più bello: “Ero già maggiorenne, mi hanno messo all’insaccamento di mangimi per vitelli ma io da pirla ci mettevo il quadruplo della vitamina“, ha detto facendo poi una battuta sulla carne ‘Scottona’.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massimo Boldi: “La sera arrivo a casa, chiudo la porta e mi ritrovo solo”

next
Articolo Successivo

Pierluigi Diaco rivela: “Vorrei un figlio con mio marito”

next