Gerry Scotti ha compiuto 63 anni e per l’occasione è stato contattato telefonicamente da Rudy Zerby che ha voluto fargli gli auguri in diretta dai microfoni di Radio Deejay. I due hanno scherzato insieme e poi il conduttore lombardo è tornato indietro con la memoria, ricordando quelli che sono stati i suoi primi lavoretti quando ancora non era iniziata la sua carriera in tv.

“Era buona abitudine nostra negli anni ’70, quando si finiva la scuola, andare a fare qualche lavoretto per pagarsi le vacanze, gli studi o le iscrizioni alle università” ha raccontato con un velo di nostalgia Gerry. “Ho stampato guarnizioni in cartone, nel ’72, e le 400 mila lire guadagnate le usai per andare in vacanza a Lignano Sabbiadoro. L’anno dopo ho consegnato libri di testo...facevo lo spacciatore di libri di scuola“, ha scherzato. Poi il suo ricordo più bello: “Ero già maggiorenne, mi hanno messo all’insaccamento di mangimi per vitelli ma io da pirla ci mettevo il quadruplo della vitamina“, ha detto facendo poi una battuta sulla carne ‘Scottona’.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Massimo Boldi: “La sera arrivo a casa, chiudo la porta e mi ritrovo solo”

prev
Articolo Successivo

Pierluigi Diaco rivela: “Vorrei un figlio con mio marito”

next