Con l’aggiornamento alla versione 4.20 di Google Foto, che è già in distribuzione in tutto il mondo, si potranno vedere le anteprime dei video mentre si naviga nella libreria. Le anteprime vengono riprodotte automaticamente e senza audio.

Se l’utente scorre le anteprime, il video si interrompe non appena la miniatura inizia a scomparire dalla schermata; al contrario, se la schermata resta fissa la riproduzione ricomincia da capo appena terminato. Se sono presenti più clip affiancate, Google Foto riprodurrà le anteprime video in ordine cronologico inverso. La riproduzione automatica non funziona negli album o nelle ricerche, solo quando si sfoglia la galleria principale, e solo per la versione Android dell’app.

Chi usa il servizio Google Foto dal browser, per attivare l’animazione dovrà passare con il mouse sopra alla miniatura del contenuto. Come si fa a capire quali sono i video e quali le foto? I primi sono contraddistinti da un’icona Play bianca nell’angolo in alto a destra della miniatura, che mostra anche la lunghezza della clip.

Questa nuova funzione è una comodità perché evita di dover aprire e caricare ogni video per intero. In futuro sarebbe interessante vederla anche per l’animazione di foto, così da rendere la libreria meno noiosa e statica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google ha creato un videogioco che serve per creare videogiochi

prev
Articolo Successivo

PG Nationals, il racconto delle finali dei campionati nazionali di LoL e R6 targati PG Esports

next