Gli esperti di sicurezza esortano a creare password sicure, ma anche quelle migliori possono essere rubate, usando i cosiddetti “password stealer“, malware progettati per raccogliere illegalmente i dati digitali degli utenti. Gli hacker li usano anche per rubare le password, e secondo gli esperti di sicurezza di Kaspersky gli utenti colpiti da questo tipo di malware sono passati dai 600.000 della prima metà del 2018 agli oltre 940.000 nello stesso periodo del 2019.

I malware di tipo Password Stealing Ware (PSW) rubano i dati direttamente dai browser; spesso sono informazioni sensibili come ad esempio le credenziali per accedere a siti o servizi. Altre volte vengono usati per sottrarre dati di carattere finanziario, come ad esempio i dati di riempimento automatico per autorizzare i pagamenti digitali. Si stanno diffondendo anche quelli che rubano i cookie dal browser, i file utente da una posizione specifica (ad esempio, dal desktop) e i file delle applicazioni come i servizi di messaggistica.

La presenza di questi software malevoli non è una novità, ma il loro dilagare in Europa sì, perché fino a poco tempo fa prendevano di mira quasi esclusivamente utenti di paesi come Russia, India, Brasile e Stati Uniti.

“Le persone oggi sono sempre più attive online e scelgono spesso di affidarsi a Internet per molte delle loro attività quotidiane. Questa tendenza porta ad avere un numero sempre maggiore di dati e informazioni all’interno dei loro profili digitali, rendendoli così un bersaglio particolarmente interessante per i cybercriminali: questi dati, infatti, possono essere monetizzati in molti modi in un secondo momento. Gli utenti possono utilizzare i loro servizi online preferiti con la certezza che le loro informazioni non saranno messe a rischio semplicemente memorizzando le password e le credenziali in modo sicuro. Questa buona abitudine dovrebbe essere supportata anche dall’implementazione di una soluzione di sicurezza digitale, perché la prudenza non è mai troppa”, spiega Alexander Eremin, Security Researcher di Kaspersky.

Per non cadere vittima di questa nuova minaccia informatica è quindi consigliato l’uso di password manager progettati appositamente per memorizzare in modo sicuro le password e le informazioni personali, inclusi documenti d’identità, patenti di guida e carte bancarie. È inoltre buona norma non condividere password e informazioni personali con amici o familiari e tenere sempre aggiornati sistema operativo e software per garantire la protezione dai malware e dalle minacce più recenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Galaxy Note 10 è il nuovo smartphone Samsung che si trasforma in un taccuino, c’è anche la versione 5G

prev
Articolo Successivo

Microsoft brevetta una soluzione per la realtà mista che innova e inquieta

next