In base alla classifica stilata dalla società internazionale specializzata Focus2Move, la Toyota Corolla (nella foto in versione compatta) è l’auto più venduta al mondo nei primi sei mesi di quest’anno. Non una novità, visto che la performance del semestre non fa altro che confermare un primato che resiste ormai da diversi anni. Nella classifica dei dieci veicoli più venduti al mondo la Corolla, giunta alla dodicesima generazione, precede il pick-up Ford Serie F e un altro alfiere della casa giapponese, il suv Rav4.

Nel dettaglio, la Corolla ha chiuso il primo semestre 2019 con 596.282 immatricolazioni a livello globale e un calo del 2% sullo stesso periodo del 2018, il Ford Serie F ha totalizzato 539.181 unità (+0,4%), il Toyota Rav4 440.597 (+8,2%).

Seguono, rispettivamente in quarta e quinta posizione, altri due modelli giapponesi targati Honda, apprezzati sia nel vecchio continente che in Nord America: la compatta Civic (che conferma la posizione dello scorso anno) e il suv CR-V (che invece guadagna due piazze).

Per trovare marchi europei bisogna arrivare al sesto e settimo posto, occupati rispettivamente dalle Volkswagen Tiguan e Golf: entrambe in calo di una posizione. A chiudere la classifica ci sono poi la Toyota Camry, il Ram pick-up del gruppo FCA e la Volkswagen Polo.

Tra le automobili ad emissioni zero c’è infine da evidenziare il primo posto per la Tesla Model 3, l’ultima creatura di Elon Musk, che si è piazzata all’ottantacinquesima posizione assoluta, con 120.708 unità consegnate in tutto il mondo da gennaio a giugno 2019.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fca-Renault, si riaprono le trattative? Manley: “saremmo aperti e interessati”

next
Articolo Successivo

Autostrade, Aspi riattiva i Tutor dopo il via libera della Cassazione: “Sistema operativo per il rientro dalle vacanze estive”

next