Scoperto un nuovo pianeta che potrebbe ospitare la vita: chiamato GJ 357 d, si trova appena fuori dal Sistema solare, a “soli” 31 anni luce da noi e con una massa pari a sei volte quella della Terra. Orbita intorno alla sua stella madre nella cosiddetta zona abitabile, cioè a una distanza che potrebbe consentire l’esistenza di acqua liquida in superficie. Descritto sulla rivista Astronomy &Astrophysics dal gruppo internazionale di ricerca coordinato dalla statunitense Cornell University, questo affascinante mondo alieno è stato scovato quasi per caso grazie al telescopio spaziale Tess, il nuovo ‘cacciatore’ di pianeti della Nasa.

In primavera, infatti, il telescopio aveva puntato i suoi ‘occhi’ sulla costellazione dell’Idra, individuando dei temporanei affievolimenti della luce della stella GJ 357 che suggerivano la presenza di un pianeta in transito, il ‘bollente’ GJ 357 b. Cercando conferma della sua esistenza nei dati raccolti dai telescopi terrestri, gli astronomi hanno individuato a sorpresa le trace di altri due pianeti vicini: GJ 357 c e GJ 357 d. Quest’ultimo pianeta, classificato come una Superterra, “è localizzato entro il bordo esterno della zona abitabile della stella, dove riceve all’incirca la stessa quantità di energia che Marte riceve dal Sole“, spiega la co-autrice dello studio Diana Kossakowski, che lavora in Germania presso l’Istituto Max Planck per l’astronomia di Heidelberg.

“Se il pianeta avesse un’atmosfera densa, cosa che sarà verificata in futuro con nuovi studi – aggiunge Kossakowski – potrebbe intrappolare una quantità di calore sufficiente per scaldare il pianeta e consentire la presenza di acqua liquida in superficie”. Le dimensioni e la composizione di GJ 357 d sono ancora sconosciute, ma se si trattasse di un pianeta roccioso, potrebbe essere grande quasi il doppio rispetto alla Terra.

L’articolo in pdf su Astronomy &Astrophysics

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Organi umani da animali domestici, i trapianti del futuro saranno questi?

prev
Articolo Successivo

Medicina, creato modello 3D della superficie oculare generato da cellule di un occhio vero: è capace di aprirsi e chiudersi

next