Cobalt Robot ha sviluppato una nuova soluzione di monitoraggio che consente di evitare al personale umano l’esposizione diretta a pericoli e minacce. Si chiama Cobalt Robot ed è un apparato dotato di Intelligenza Artificiale e di soluzioni simili a quelle delle auto a guida autonoma. Può muoversi attraverso gli ambienti seguendo percorsi predeterminati e, grazie all’abbinamento tra sensoristica e apprendimento automatico, può rilevare tempestivamente problemi o minacce potenziali.

Proprio qui si innesta poi la novità: in caso di minacce, il robot non sfodera pistole né altre armi da puntare minacciosamente. Piuttosto trasmette istantaneamente tutti i dati ad operatori in remoto che così, in massima sicurezza, possano decidere il da farsi.

https://www.youtube.com/watch?v=UHiTsqYtszk

Cobalt Robot può anche interagire con gli esseri umani, grazie a uno schermo touch, ad esempio verificando i badge o i documenti di visitatori o dipendenti presenti in ufficio dopo l’orario di chiusura. Sviluppato da Travis Deyle, esperto in robotica della Georgia Tech, e da Erik Schluntz, ingegnere elettronico proveniente da Harvard, Cobalt Robot si sta già diffondendo anche in realtà importanti, come ad esempio Slack e Yelp. Non avrà il fascino di Robocop, ma è un’innovazione interessante per il settore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bagagli persi? Per rintracciarli British Airways introduce i chip intelligenti

prev
Articolo Successivo

Serve un hotel o un appartamento per le vacanze? CoziCozi, l’aggregatore che unisce Booking, Expedia, Tripadvisor e gli altri

next