Le auto a guida autonoma e i robot che si muovono in maniera indipendente potrebbero fare un passo avanti nella sicurezza grazie a un nuovo modello sviluppato dai ricercatori di Microsoft e del Massachusetts Institute of Technology (MIT). Riguarda gli algoritmi di Intelligenza Artificiale e di apprendimento automatico, che permettono ai sistemi autonomi di interagire in maniera corretta con quello che li circonda. Sono una parte importantissima dello sviluppo, perché per quanto gli scienziati possano “insegnare” alle macchine a gestire molte situazioni, non potranno mai istruirle sul 100% delle situazioni possibili.

Prendiamo ad esempio un’auto a guida autonoma. I programmi prevedono che l’auto si fermi se un pedone attraversa la strada, se l’auto che la precede è ferma, se una bicicletta invade la carreggiata. Chi guida l’auto da anni però sa che la casistica degli eventi su strada è molto ampia, e che le situazioni che si possono presentare sono tali e tante da rendere impossibile considerarle e programmarle tutte. È qui che entra in gioco l’apprendimento automatico, e che si verificano i cosiddetti “punti ciechi” delle Intelligenze Artificiali. Non sono le aree non coperte dagli specchietti retrovisori, ma quelle situazioni per le quali il computer non è stato esplicitamente programmato.

Le simulazioni non sono sempre identiche alle situazioni reali. Foto: Depositphotos

 

In questi casi il modello del MIT e di Microsoft utilizza gli input umani per cercare di coprire i “punti ciechi” dell’IA. Per implementarlo, i ricercatori hanno permesso alle IA di effettuare comparazioni tra le proprie decisioni e quelle prese da guidatori in carne ed ossa, in modo da correggere le decisioni errate.

Il primo autore della ricerca, Ramya Ramakrishnan, spiega che “il modello aiuta i sistemi autonomi a conoscere meglio ciò che non sanno. Molte volte, quando questi sistemi vengono implementati, le simulazioni che si fanno in fase di addestramento non corrispondono al contesto reale. L’idea è di usare l’esperienza degli umani per colmare il divario tra la simulazione e il mondo reale, così da poter ridurre alcuni di questi errori”.

Foto: Depositphotos

 

Un errore tipico, per esempio, è che il sistema tende a percepire situazioni differenti come identiche. Mettiamo il caso di un’ambulanza e di un camioncino bianco di pari dimensioni, che giungono alle spalle dell’auto a guida autonoma. Inizialmente per il sistema sono due mezzi identici, e in entrambi i casi l’auto autonoma prosegue nel suo percorso. Però se il camioncino bianco è un’ambulanza, l’auto dovrebbe accostare e lasciar passare. Immagazzinando l’atteggiamento contraddittorio fra la sua decisione e quella del guidatore umano, l’IA capisce che quanto ha fatto non è sicuro. Nei successivi casi analoghi agirà in maniera più cauta, fino a quando non prenderà la decisione corretta in tutti i casi. A ben vedere, è un metodo di apprendimento che non si discosta molto da quello dell’essere umano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Samsung, addio imballaggi e confezioni inquinanti. Dal 2019 verranno impiegate bio-plastiche e materiali eco-compatibili

prev
Articolo Successivo

Applicazione del diritto all’oblio facile e veloce, grazie a una startup italiana

next