“I nostri cuori sono devastati per la perdita della nostra amata Saoirse, la sua vita era piena di speranza, promesse ed amore. Il mondo è un posto meno bello oggi”. La famiglia Kennedy annuncia così la scomparsa di Saoirse Kennedy Hill, 22enne nipote di Bob Kennedy, che è morta nella villa di famiglia a Hyannis Port, in Massachusetts, probabilmente a seguito di una overdose. A dare la notizia è il New York Times. La ragazza, scrive il giornale, si è sentita male ieri pomeriggio mentre si trovava nella casa dove abita la nonna Ethel, la 91enne vedova di Bob, ed è stata dichiarata morta nell’ospedale di Cape Cod dove è stata trasferita dai servizi di emergenza intervenuti. La polizia ha confermato la morte di una donna nella casa dei Kennedy ma non ha dato informazioni sulla sua identità o sulle cause della morte, precisando che “la questione rimane oggetto di indagini da parte dalle polizia e dell’ufficio del procuratore”.

Figlia di Courtney Kennedy, quinta figlia di Bob ed Ethel, e Paul Michael Hill, Saoirse era studentessa di comunicazione al Boston College e vice presidente del gruppo degli studenti democratici. Ai tempi del liceo, frequentato alla Deerfield Academy, scuola privata del Massachusetts, la ragazza aveva scritto sul giornale della scuola della sua lotta contro la depressione “che affonda le radici nell’inizio della scuola media a sarà con me per il resto della mia vita”.

“La gente parla liberamente di cancro: perché è così difficile discutere degli effetti della depressione, sindrome bipolare, ansia o disturbi schizofrenici?”, scriveva ancora la ragazza, il cui padre, Paul Michael Hill, è stato uno dei quattro irlandesi – diventati poi famosi come i Guilford Four – detenuti per 15 anni con l’accusa di coinvolgimento negli attentati dell’Ira e poi scagionati e liberati nel 1990. Hill e Courtney Kennedy si sono sposati nel 1993 e poi separati nel 2006. La proprietà dei Kennedy a Hyannis Port comprende una serie di ville di fronte al mare in un terreno di oltre 2 ettari di proprietà della famiglia dagli anni venti del secolo scorso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Young Signorino irriso al concerto schiaffeggia lo spettatore: le immagini della sua reazione

next
Articolo Successivo

Clizia Incorvaia, l’ex moglie di Francesco Sarcina: “A 18 anni mangiavo una mela al giorno”

next