“La Procura della Repubblica di Agrigento ha disposto il dissequestro della nave Mare Jonio di Mediterranea. Ci stiamo già preparando a ritornare al più presto in mare”. L’annuncio arriva da un tweet della ong Mediterranea Saving Humans. La portavoce Alessandra Sciurba conferma: “Abbiamo bisogno di tempi tecnici per riorganizzarci e salperemo prima possibile”.

L’imbarcazione si trovava dal 13 maggio scorso nel porto di Licata, dopo essere stata sequestrata in seguito alle operazioni di salvataggio di 30 migranti a bordo di un gommone in avaria a 40 miglia dalle coste della Libia. Una volta salvati i naufraghi, la Mare Jonio aveva fatto rotta verso Lampedusa: entrata nelle acque territoriali italiane, era stata affiancata da due motovedette della guardia di Finanza e poi scortata fino al porto dell’isola siciliana, dove i migranti era stati fatti sbarcare ed erano stati posti i sigilli alla nave. Il comandante della nave e il capo missione sono stati iscritti nel registro degli indagati con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Sui fatti indaga la Procura di Agrigento che intanto oggi ha disposto il dissequestro dell’imbarcazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Catanzaro, la sentenza era perfetta ma falsa: arrestato uomo che si spacciava per avvocato

prev
Articolo Successivo

Giustizia, Salvini: “Tre gradi di giudizio in 4 anni”. Caiazza (Ucp): “Cronometro non ha senso. La Lega spieghi veti a riforma”

next