La produzione industriale torna a mostrare il segno meno a giugno. La rilevazione dell’Istat, dopo il rialzo del mese precedente, registra un calo sia nel confronto rispetto a maggio (-0,2%) sia rispetto a un anno fa: in questo la flessione è dell’1,2%. La produzione è trascinata verso il basso dal settore dei mezzi di trasporto (-7,6% su base annua) e in particolare dall’auto che registra un nuovo crollo del 17,7% rispetto a giugno 2018. Un trend che non è solo italiano, ma mondiale: in Germania la produzione di auto in questo mese ha segnato addirittura un -24%. In pratica sono state immatricolate 340mila macchine in meno: un dato in calo del 15% nel 2019 anche in Cina.

A giugno, oltre ai mezzi di trasporto, anche il settore delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori ha segnato un crollo del 7,1% rispetto a un anno fa. Gli unici segnali positivi arrivano dalla produzione di prodotti farmaceutici (+6% su base annua) e dalla fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (+5,3%). In calo rispetto a giugno 2018 è anche la produzione di macchinari (-3%): un segnale delle difficoltà dell’indotto, penalizzato anche in questo caso dal crollo del settore auto. Dati che, come sottolinea l’Istat, portano nei primi sei mesi dell’anno a una contrazione della produzione industriale (-0,8%) che diventa “più marcata per il solo comparto manifatturiero (-1,2%)”.

COMMERCIO – Vendite al dettaglio a +2%: aumentano quelle online
L’Istat ha diffuso anche i dati di giugno 2019 per le vendite al dettaglio: si stima una variazione congiunturale positiva dell’1,9% in valore e del 2% in volume. Sono in crescita sia le vendite dei beni alimentari (+1,6% in valore e in volume) sia quelle dei beni non alimentari (+2,0% in valore e +2,3% in volume). Su base annua, le vendite al dettaglio registrano un aumento dell’1,3% in valore e dell’1,5% in volume. Rispetto a giugno 2018, il valore delle vendite al dettaglio aumenta dell’1,7% per la grande distribuzione, mentre si registra una variazione nulla nei piccoli negozi. Ancora un aumento a doppia cifra per il commercio elettronico che a giugno segna un rialzo del 15,4% su base annua.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crescita, Istat: Pil fermo nel secondo trimestre del 2019. “Continua la fase di stagnazione”

prev
Articolo Successivo

Fmi, per il dopo Lagarde la Ue indica la direttrice generale della Banca mondiale Georgieva. Battuto il “falco” Dijsselbloem

next