Chi ha uno smartphone Pixel di Google o un Android One presto potrà fare chiamate di emergenza per chiedere assistenza medica, delle forze dell’ordine o dei vigili del fuoco senza bisogno di parlare. Un’opzione resa possibile da una nuova caratteristica che sarà presente in una versione aggiornata dell’app Phone per gli smartphone Pixel.

Chi necessita di aiuto ma non può parlare potrà selezionare uno dei pulsanti virtuali “Medico”, “Fuoco” o “Polizia” e attivare automaticamente una chiamata di emergenza. Il servizio vocale automatizzato leggerà un messaggio con il quale informa l’operatore che il chiamante sta utilizzando un servizio automatizzato, descriverà il tipo di aiuto di cui c’è bisogno (a seconda del pulsante selezionato) e contestualmente comunicherà la posizione, prelevata dai dati GPS del telefono.

Nella nota ufficiale Google spiega che questa nuova funzionalità è progettata per le situazioni in cui qualcuno ha bisogno di servizi di emergenza ma non può comunicare verbalmente a causa di lesioni, disabilità del linguaggio o perché si trova in una situazione di imminente pericolo. L’azienda promette anche che le informazioni comunicate resteranno riservate, e che il servizio funziona indipendentemente dalla presenza di una connessione dati. Dopo aver attivato il servizio, chi potrà farlo sarà comunque libero di parlare direttamente con l’operatore.

L’app Phone è installata per default sui dispositivi Pixel dal 2017, si può scaricare automaticamente dal Google Play ed è compatibile anche con gli smartphone Android One (quelli senza personalizzazioni del sistema operativo, quindi con la stessa interfaccia dei Pixel). In prima battuta la novità esordirà negli Stati Uniti, auspichiamo che presto arrivi anche in Europa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Samsung Galaxy Fold ufficialmente in vendita da settembre. Gli italiani non saranno i primi a comprarlo

prev
Articolo Successivo

Intel annuncia i nuovi processori Core di decima generazione, i notebook hanno una marcia in più

next