Chi ha uno smartphone Pixel di Google o un Android One presto potrà fare chiamate di emergenza per chiedere assistenza medica, delle forze dell’ordine o dei vigili del fuoco senza bisogno di parlare. Un’opzione resa possibile da una nuova caratteristica che sarà presente in una versione aggiornata dell’app Phone per gli smartphone Pixel.

Chi necessita di aiuto ma non può parlare potrà selezionare uno dei pulsanti virtuali “Medico”, “Fuoco” o “Polizia” e attivare automaticamente una chiamata di emergenza. Il servizio vocale automatizzato leggerà un messaggio con il quale informa l’operatore che il chiamante sta utilizzando un servizio automatizzato, descriverà il tipo di aiuto di cui c’è bisogno (a seconda del pulsante selezionato) e contestualmente comunicherà la posizione, prelevata dai dati GPS del telefono.

Nella nota ufficiale Google spiega che questa nuova funzionalità è progettata per le situazioni in cui qualcuno ha bisogno di servizi di emergenza ma non può comunicare verbalmente a causa di lesioni, disabilità del linguaggio o perché si trova in una situazione di imminente pericolo. L’azienda promette anche che le informazioni comunicate resteranno riservate, e che il servizio funziona indipendentemente dalla presenza di una connessione dati. Dopo aver attivato il servizio, chi potrà farlo sarà comunque libero di parlare direttamente con l’operatore.

L’app Phone è installata per default sui dispositivi Pixel dal 2017, si può scaricare automaticamente dal Google Play ed è compatibile anche con gli smartphone Android One (quelli senza personalizzazioni del sistema operativo, quindi con la stessa interfaccia dei Pixel). In prima battuta la novità esordirà negli Stati Uniti, auspichiamo che presto arrivi anche in Europa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Samsung Galaxy Fold ufficialmente in vendita da settembre. Gli italiani non saranno i primi a comprarlo

next
Articolo Successivo

Intel annuncia i nuovi processori Core di decima generazione, i notebook hanno una marcia in più

next