L’app di messaggistica istantanea WhatsApp è presente sulla stragrande maggioranza degli smartphone. Al momento ciascun account è associato a un unico smartphone: chi ha due telefoni (magari perché uno è aziendale) deve necessariamente scegliere su quale attivare l’app. Presto questo piccolo problema sarà risolto. Il portale WABetainfo, di solito bene informato sulle nuove caratteristiche delle app in fase di test, ha pubblicato una nota in cui spiega che in un futuro e corposo aggiornamento, si potrà attivare lo stesso account WhatsApp su più dispositivi contemporaneamente.

Una comodità che eliminerebbe anche una delle importanti differenze fra WhatsApp e la concorrente diretta Telegram, che permette già da tempo di usare lo stesso account su terminali diversi. Le novità non finiscono qui, perché oltre a poter usare il proprio account su più dispositivi Android o iOS, si potrà anche attivarlo su dispositivi misti iOS e Android, ad esempio uno smartphone e un iPad.

Foto: Depositphotos

 

Una seconda novità riguarda invece i moltissimi utenti che quando sono al PC usano WhatsApp Web per comunicare con i propri contatti usando tastiera e mouse. Al momento questa caratteristica funziona solo quando lo smartphone è connesso a Internet. Con lo stesso aggiornamento di cui sopra, gli utenti potranno beneficiare dell’app UWP (Universal Windows Platform) che toglierà il fastidioso limite della connessione web dello smartphone. È evidente come WhatsApp stia lavorando per migliorare l’esperienza utente dei molti utenti che utilizzano costantemente l’applicazione.

Da notare che le nuove caratteristiche sono ancora in fase di sviluppo, per questo non ci sono schermate che facciano capire come saranno declinate graficamente le novità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ecco le lenti a contatto ad alta tecnologia che fanno lo zoom sbattendo due volte le palpebre

prev
Articolo Successivo

Nokia 9.1 PureView metterà in campo connettività 5G e software fotografici evoluti

next