Dai vip al vicino di casa, tutti negli ultimi giorni hanno provato a invecchiarsi digitalmente con FaceApp: ma dopo l’euforia collettiva, sul web sono cominciate a girare alcune preoccupazioni: stiamo veramente ‘regalando’ le nostre foto a una società russa? Servono per il riconoscimento facciale? Le altre applicazioni fanno lo stesso? “Ormai il telefono è un’appendice della nostra vita quotidiana, anche dal punto di vista dei contenuti più personali: per questo è importante proteggere i dati, inclusa l’immagine del nostro volto”, spiega Giovanni Ziccardi, docente di Informatica giuridica presso l’Università di Milano ed esperto di privacy e sicurezza digitale. Ecco cinque cose da sapere sull’app del momento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Facebook, una falla in Messenger Kids permetteva ai minori di chattare con adulti non autorizzati

next
Articolo Successivo

Treni, Trenitalia fa causa alla app da 3 milioni di utenti che aggrega orari, ritardi e prezzi: “Uso dei dati non autorizzato”

next