Dai vip al vicino di casa, tutti negli ultimi giorni hanno provato a invecchiarsi digitalmente con FaceApp: ma dopo l’euforia collettiva, sul web sono cominciate a girare alcune preoccupazioni: stiamo veramente ‘regalando’ le nostre foto a una società russa? Servono per il riconoscimento facciale? Le altre applicazioni fanno lo stesso? “Ormai il telefono è un’appendice della nostra vita quotidiana, anche dal punto di vista dei contenuti più personali: per questo è importante proteggere i dati, inclusa l’immagine del nostro volto”, spiega Giovanni Ziccardi, docente di Informatica giuridica presso l’Università di Milano ed esperto di privacy e sicurezza digitale. Ecco cinque cose da sapere sull’app del momento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Facebook, una falla in Messenger Kids permetteva ai minori di chattare con adulti non autorizzati

next
Articolo Successivo

Treni, Trenitalia fa causa alla app da 3 milioni di utenti che aggrega orari, ritardi e prezzi: “Uso dei dati non autorizzato”

next