Noleggiare un’auto per le vacanze si è rivelata, negli ultimi anni, una delle scelte più diffuse da turisti italiani e non che decidono di scoprire lo Stivale in un viaggio on the road. Tanto che secondo le ultime previsioni di ANIASA, l’associazione Industria di Autonoleggio e Servizi Automobilistici, saranno circa 2 milioni i vacanzieri che tra i mesi di luglio, agosto e settembre propenderanno per una vettura “in affitto”.

È importante, a questo proposito, tenere presenti alcune dritte per non rischiare di avere sorprese sia al momento della prenotazione che durante il noleggio. ANIASA propone quindi un rapido vademecum sugli aspetti più rilevanti cui prestare attenzione. In primis c’è da valutare la scelta dell’interlocutore al quale rivolgersi, guardando alle differenze tra società di rent-a-car, agenzie o broker: gli ultimi due, ad esempio, sono degli intermediari tra il cliente e la società di noleggio vera e propria, perciò non posseggono delle flotte di auto ma si appoggiano a quelle delle società.

Una volta scelta la società o l’agenzia, prima di chiudere la prenotazione fare un ultimo check per verificare tutti i servizi previsti e i costi di quelli aggiuntivi, come potrebbero esserlo il navigatore o magari dispositivi di sicurezza in più (ad esempio i seggiolini). Poi l’aspetto forse più importante, quello dell’assicurazione: il consiglio è quello di non risparmiare su questa ma di valutarla accuratamente, soprattutto chiarendo la questione franchigie, ovvero quanto resterebbe a carico della persona in caso di danni causati da terzi e quindi non coperti dall’assicurazione.

Non meno importante, specialmente se l’operazione di prenotazione avviene online, è informarsi bene su quali siano i metodi di pagamento accettati e in che modo verrà poi addebitato il costo del noleggio; e sempre a proposito di prenotazioni effettuate sul sito delle società o delle agenzie, accertarsi di ricevere la mail di conferma a operazione conclusa. Poi, per il pagamento al desk, sarà necessario presentare un documento valido e una carta di credito attiva. Una volta ritirata l’auto, non è detto che sia tutto in ordine: si raccomanda, quindi, di controllare subito lo stato della vettura, sia internamente che esternamente, per accorgersi di eventuali danni o mancanze.

Generalmente al cliente vengono lasciati dei numeri utili da chiamare in caso di necessità (come guasti o incidenti) ma, se così non fosse, chiedere sempre i contatti giusti cui poter far riferimento. Ricordarsi di consegnare la vettura entro i termini di tempo e luogo previsti, controllando la presenza o meno di danni nuovi e facendosi rilasciare un’attestazione scritta che testimoni lo stato della vettura alla riconsegna. Poiché in alcuni casi è possibile anche lasciarla in orari di chiusura degli uffici, riponendo le chiavi in appositi armadietti, fare una foto alla vettura al momento può aiutare ad avere un documento con cui poter contestare – qualora ce ne fosse bisogno – l’addebito successivo di danni non causati durante il periodo di noleggio. Infine, non dimenticare che riportare l’auto con una quantità di carburante inferiore a quella presente all’inizio del noleggio può comportare il pagamento di penali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ecobonus ed Ecomalus, quattro mesi in chiaroscuro. Ecco un primo bilancio

prev
Articolo Successivo

Mercato auto, a luglio è aumentato del 3,6% quello dell’usato. Resiste il diesel

next