I messaggi vocali sono fra le caratteristiche più usate di WhatsApp. Attualmente con gli smartphone si possono leggere i messaggi testuali direttamente dalla tendina delle notifiche, non si può fare altrettanto con le note vocali. Presto questo limite non ci sarà più: a svelarlo è il portale Webetainfo, che sul suo account Twitter  mostra una schermata in cui si vede la notifica di un messaggio vocale e la possibilità di ascoltarlo senza dover aprire l’applicazione, quindi il mittente e il messaggio stesso.

Semplicemente è stato aggiunto il player, ossia il pulsante Play per la riproduzione di contenuti multimediali: basta selezionarlo per ascoltare il messaggio. Per il momento, la novità riguarda solo la versione beta (una versione di test) e non ci sono indicazioni circa la data di diffusione. Secondo la fonte l’attesa non dovrebbe essere troppo lunga perché la nuova funzione è già presente nelle versioni beta sia di Android che iOS. Si tratta di un’interessante novità per WhatsApp, dato che i messaggi vocali vengono sempre più utilizzati dagli utenti, soprattutto dal pubblico giovane.

 

Per rispetto del prossimo, oltre che per tutelare la propria privacy, è sempre consigliabile ascoltare i messaggi vocali indossando le cuffie, soprattutto quando ci si trova in ambienti chiusi e frequentati, come la carrozza del treno o un autobus del servizio pubblico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Smartphone Honor 20 Pro offre buone prestazioni e autonomia, ma lo schermo poteva essere migliore

next
Articolo Successivo

Anche Android finalmente aiuterà gli utenti a trovare gli auricolari smarriti

next