I messaggi vocali sono fra le caratteristiche più usate di WhatsApp. Attualmente con gli smartphone si possono leggere i messaggi testuali direttamente dalla tendina delle notifiche, non si può fare altrettanto con le note vocali. Presto questo limite non ci sarà più: a svelarlo è il portale Webetainfo, che sul suo account Twitter  mostra una schermata in cui si vede la notifica di un messaggio vocale e la possibilità di ascoltarlo senza dover aprire l’applicazione, quindi il mittente e il messaggio stesso.

Semplicemente è stato aggiunto il player, ossia il pulsante Play per la riproduzione di contenuti multimediali: basta selezionarlo per ascoltare il messaggio. Per il momento, la novità riguarda solo la versione beta (una versione di test) e non ci sono indicazioni circa la data di diffusione. Secondo la fonte l’attesa non dovrebbe essere troppo lunga perché la nuova funzione è già presente nelle versioni beta sia di Android che iOS. Si tratta di un’interessante novità per WhatsApp, dato che i messaggi vocali vengono sempre più utilizzati dagli utenti, soprattutto dal pubblico giovane.

 

Per rispetto del prossimo, oltre che per tutelare la propria privacy, è sempre consigliabile ascoltare i messaggi vocali indossando le cuffie, soprattutto quando ci si trova in ambienti chiusi e frequentati, come la carrozza del treno o un autobus del servizio pubblico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Smartphone Honor 20 Pro offre buone prestazioni e autonomia, ma lo schermo poteva essere migliore

prev
Articolo Successivo

Anche Android finalmente aiuterà gli utenti a trovare gli auricolari smarriti

next