WhatsApp ha sottoscritto un accordo con KaiOS che consentirà alla popolare app di messaggistica istantanea di sbarcare sui cosiddetti feature phone, i telefonini “vecchio stile” come ad esempio quelli prodotti da Nokia. Le funzioni di questi prodotti a basso costo sono limitate: non si può giocare, difficilmente permettono di fruire di contenuti multimediali e sono poche le app che si possono installare. Fra queste presto ci sarà anche WhatsApp, nel caso in cui il sistema operativo sia KaiOS. Per sapere se il vostro telefono dispone di questo software non è necessario scartabellare nelle impostazioni: se lo store da cui si scaricano le app è KaiStore è un buon inizio.

Ovviamente sono state necessarie delle modifiche software affinché l’app potesse funzionare sui feature phone: gli sviluppatori hanno portato avanti una sorta di ottimizzazione che ha permesso di farla funzionare su quei modelli che hanno in dotazione almeno 256 MB di memoria RAM. Gli altri purtroppo restano esclusi. La novità dovrebbe sbarcare su tutti i dispositivi KaiOS a partire dal prossimo trimestre. Nel frattempo, si ricorda che questi stessi prodotti dispongono già di versioni dedicate di altre app popolari, come Google Assistant, Youtube o Google Maps.

Nokia 8110

 

Restando in tema WhatsApp, c’è un’altra buona notizia che riguarda i proprietari di tablet iPad. Stando a indiscrezioni pubblicate dal sito WaBetaInfo e che non hanno ancora conferme ufficiali, sarebbero maturi i tempi per la presentazione della prima versione di WhatsApp per iPad. La versione beta sarebbe nelle mani di un gruppo ristretto di tester, e supporterebbe anche la possibilità di effettuare videochiamate. Restiamo in attesa di conferme ufficiali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gli auricolari Huawei FreeLace promettono 18 ore di autonomia e facile connessione allo smartphone

prev
Articolo Successivo

In futuro il menu Start di Windows 10 potrebbe essere senza mattonelle

next