L’Italia di Sandro Campagna è campione del mondo di pallanuoto. Il Settebello vince l’oro – il quarto della storia – battendo la Spagna per 10-5 in una finale caratterizzata da due strappi degli azzurri nei tempi centrali che hanno tramortito gli iberici. A Gwangju gli azzurri – che schieravano 3 reduci dell’oro del 2011 a Shanghai: Figlioli, Figari e Aicardi – sono riusciti a contenere il superattacco (90 reti nel torneo, quaranta in più dell’Italia) degli avversari e imposto le proprie capacità difensive.

Il Settebello prova subito la fuga, ma Perrone rintuzza le reti di Luongo ed Echeniche e poi è Del Lungo ad evitare il sorpasso spagnolo parando il rigore assegnato per un fallo di Di Toro. Così nel secondo tempino, Figlioli e Dolce piazzano il break: 4-2, allargato poi da Renzuto Iodice che infila la difesa iberica e costringe David Martin Lozano al time out. Ma le Furie Rosse, prima dell’intervallo, riescono solo a segnare su rigore con Munarriz Egana.

Così nella ripresa l’Italia scava ancora le distanze: Aicardi e ancora Dolce imprimono la seconda spinta (7-3) e Di Fulvio mette l’ipoteca con la rete dell’8-3 a metà del terzo tempo. La pezza di Mallarach prima dell’ultima sirena è un fuoco di paglia. Negli ultimi 8 minuti il Settebello resta concentrato, contiene le superiorità numeriche e non permette mai agli spagnoli di segnare quando in acqua si gioca a uomini pari. Anzi Luongo firma il 9-4 del massimo vantaggio, compresso ancora da Mallarach a 2′ dalla fine. Anche per l’attacco della Spagna è troppo tardi: l’Italia è campione del mondo e rifinisce il risultato fissandolo sul 10-5 con Bodegas. Il bronzo è andato alla Croazia che nella finale per il terzo posto ha superato per 10-7 l’Ungheria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coni, ‘Sport e Salute’ mette nel mirino i presidenti col doppio stipendio. E potrebbe essere una svolta

next
Articolo Successivo

Calcio, De Rossi al Boca: il video della sua presentazione al club argentino è emozionante

next