Fiducia a Montecitorio sul testo del Decreto Sicurezza bis approvato dalle Commissioni. È quanto deciso dal governo Lega-M5s, come annunciato dal ministro per i rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro. Il provvedimento è approdato oggi in aula alla Camera, con le opposizioni che hanno già polemizzato in vista della fiducia che dovrebbe arrivare mercoledì e che è stata ufficializzata in giornata. Il Partito democratico ha parlato di incostituzionalità e di un approccio molto pericoloso perché spinge verso la criminalizzazione dei salvataggi in mare operati dalle Ong. In tal senso, una volta approvata la legge, le multe diventeranno molto onerose, fino a un milione di euro, e dovranno essere pagate dal capitano o dall’armatore delle navi. Maurizio Martina ha parlato di una “iniziativa propagandistica”, mentre Liberi e Uguali, con Rossella Muroni, l’ha definita “un’operazione di distrazione di massa fatta sulla pelle dei disperati“.

Il pacchetto, fortemente voluto dal vicepremier del Carroccio, contiene norme che toccano anche altri ambiti. C’è, ad esempio, un giro di vite sul bagarinaggio. Inoltre rischierà fino a quattro anni chi, durante pubbliche manifestazioni di piazza, lanci o utilizzi razzi e oggetti contundenti. Proroga al 31 dicembre, infine, per l’applicazione delle nuove regole sulle intercettazioni, che restano quindi ancora in stand by. I dem, oltre a criticare i contenuti, hanno accusato anche il metodo: i pentastellati, a loro dire, sono succubi della Lega. Sostanzialmente favorevoli al provvedimento, invece, i partiti di centrodestra. Forza Italia e Fratelli d’Italia, infatti, dovrebbero votare per il Sì. Gli azzurri, però, hanno lamentato poco impegno sui rimpatri, su cui avevano proposto modifiche che non sono state accolte. La tattica delle opposizioni punta a dilatare il più possibile i tempi con numerosissimi interventi. Ne è nata una discussione fiume, che ha occupato la Camera per l’intera giornata di lunedì. Una volta finita, l’esecutivo ha posto la questione di fiducia. Una volta approvato a Montecitorio, il pacchetto passerà al Senato per la seconda lettura da chiudersi entro il 10 di agosto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Rosato: “Intesa con M5s? No. Noi alleati di Berlusconi ma non c’era Toninelli ministro”

next
Articolo Successivo

Ddl Pillon, il senatore leghista: ‘Relatore del nuovo testo grazie al voto di tutti i partiti’

next