Facebook ha deciso che non si potrà inoltrare un messaggio di WhatsApp a più di cinque destinatari per volta. In precedenza il limite era fissato a 20, ma a quanto pare favoriva la diffusione di false notizie. La novità, riportata dall’agenzia di stampa Reuters, è stata presa a seguito di una sperimentazione condotta in India, dopo che la diffusione di messaggi falsi ha favorito comportamenti aggressivi, con conseguenze anche drammatiche in alcuni casi.

Victoria Grand, Vicepresidente per la politica e le comunicazioni di WhatsApp, ha annunciato nel corso di un evento in Indonesia che il provvedimento viene esteso a tutto il mondo. L’aggiornamento è già in distribuzione, anche in Italia. Per vedere se anche la vostra app si è aggiornata vi basta provare a reindirizzare lo stesso messaggio a una lista di 10 contatti. In caso affermativo, vi apparirà il messaggio: “Puoi condividere al massimo con 5 chat“.

Foto: Depositphotos

 

Gli osservatori fanno notare che il provvedimento non è del tutto infallibile, perché si può aggirare il “limite” reindirizzando messaggi con lievi differenze, ma contenuti altrettanto falsi. Oppure veicolando i messaggi su gruppi molto numerosi, di cui ciascun membro può diventare un nuovo potenziale “ripetitore”. O, ancora, inoltrando i messaggi a scaglioni di 5 contatti per volta. Certo, diventa più complicato di prima e magari qualcuno finisce per desistere.

Ultimamente WhatsApp è stato usato come strumento di diffusionedi notizie false e molti hanno puntato il dito contro questo aspetto. Però è difficile da controllare, dato che i messaggi sono protetti da crittografia. Questo tentativo dei responsabili di arginare il problema ha quindi una motivazione. Se poi riuscirà a contrastare anche in minima misura la diffusione di false notizie, tanto meglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Airbus vorrebbe in futuro aerei senza pilota, quando l’Intelligenza Artificiale sarà davvero matura

prev
Articolo Successivo

Multa da record per Google dalla Francia: 50 milioni di euro per informazioni poco chiare sull’uso dei dati

next