Se vi è capitato di spedire un’immagine o un video al contatto sbagliato di WhatsApp, forse vi interesserà sapere che presto l’app vi aiuterà a evitare di commettere questo errore e l’imbarazzo che ne potrebbe seguire.

Nell’ultimo aggiornamento per gli utenti beta di Android è infatti inclusa una funzione inedita che mette bene in evidenza il nome del contatto a cui si sta inviando un file multimediale. Oggi, quando s’intende inviare un’immagine o un video tramite WhatsApp, si seleziona il destinatario dall’elenco dei contatti. Come si vede dell’immagine qui sotto, nella schermata di conferma dell’invio il destinatario è identificabile solo tramite l’immagine del profilo posizionata in alto a sinistra. Spesso passa inosservata perché è in ‘un’area dello schermo dove non si puntano gli occhi mentre si esegue l’operazione.

Con la nuova funzione, il nome del contatto a cui si sta spedendo il file sarà ben visibile nella fascia visualizzata sulla parte inferiore, sotto allo spazio in cui si scrive il testo di commento (“Aggiungi una didascalia”). L’immagine del profilo resterà dov’è, ma il nome sarà proprio accanto al pulsante da premere per l’invio: un’area da guardare per forza.

Crediti: Mspoweruser

 

La funzione per il momento è disponibile solo agli utenti che hanno aderito al programma Beta di Android, ma è possibile che venga presto distribuita a tutti. Non è chiaro se sia supportata anche dai dispositivi iPhone, anche se verosimilmente un aggiornamento in questo senso dovrebbe arrivare a tutti, magari con tempistiche differenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

ProArt PA34VC è il nuovo monitor curvo di Asus dedicato ai professionisti della grafica

prev
Articolo Successivo

Dell, HP, Microsoft e Intel si oppongono ai dazi su notebook e 2-in-1: costerebbero 120 dollari in più

next