Dopo le Europee aveva rivendicato di “non voler vivacchiare”, di fronte alle tensioni tra M5s e Lega. Ora il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, di fronte alla crisi minacciata e poi fatta rientrare da Matteo Salvini e alle accuse dello stesso vicepresidente leghista contro i ministri M5s Danilo Toninelli (Infrastrutture) ed Elisabetta Trenta (Difesa), chiarisce: “Io non vivacchio, lavoro. Sono qui per realizzare il quadro di riforme. Rimpasto? Nessuno me lo ha chiesto“. E aggiunge: “Se c’è un ministro che ha qualche osservazione da fare, viene da me e me la rappresenta”. Ma, puntualizza, in modo “istituzionale”. Perché, rivendica, anche su questo punto, serve “correttezza istituzionale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, il premier Conte: “Rimpasto? Soddisfatto della squadra”. La Lega: “Esterrefatti dalla sua difesa di Toninelli e Trenta”

next
Articolo Successivo

Ostia, su murale antimafia assenti Falcone e Borsellino. Il M5S si arrabbia, ma poi sparisce il volto di Federica Angeli

next