Dopo le Europee aveva rivendicato di “non voler vivacchiare”, di fronte alle tensioni tra M5s e Lega. Ora il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, di fronte alla crisi minacciata e poi fatta rientrare da Matteo Salvini e alle accuse dello stesso vicepresidente leghista contro i ministri M5s Danilo Toninelli (Infrastrutture) ed Elisabetta Trenta (Difesa), chiarisce: “Io non vivacchio, lavoro. Sono qui per realizzare il quadro di riforme. Rimpasto? Nessuno me lo ha chiesto“. E aggiunge: “Se c’è un ministro che ha qualche osservazione da fare, viene da me e me la rappresenta”. Ma, puntualizza, in modo “istituzionale”. Perché, rivendica, anche su questo punto, serve “correttezza istituzionale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, il premier Conte: “Rimpasto? Soddisfatto della squadra”. La Lega: “Esterrefatti dalla sua difesa di Toninelli e Trenta”

next
Articolo Successivo

Ostia, su murale antimafia assenti Falcone e Borsellino. Il M5S si arrabbia, ma poi sparisce il volto di Federica Angeli

next