Chi è alla ricerca di una nuova tastiera probabilmente sa già che i modelli con tasti meccanici sono da sempre i migliori. In quest’ambito il modello MSI Vigor GK60 nasce per i videogiocatori, ma è compatto e versatile, e per motivi che vedremo più avanti si presta come potenziale scelta per chi usa il computer per digitare lunghi testi. Componenti chiave sono i tasti con switch Cherry MX Red e una buona qualità costruttiva complessiva.

Quest’ultimo elemento è di fondamentale importanza per i giocatori, che amano personalizzare l’illuminazione tasto per tasto e programmare le macro in modo da avere sottomano scorciatoie per i propri giochi preferiti. Esigenze non condivise da chi usa il computer per lavorare. Ecco perché, più che per i giocatori, riteniamo che questa tastiera possa essere una scelta congeniale a chi scrive molto al computer.

Le offerte online fra 70 e 100 euro la rendono più accessibile, e gli switch Cherry MX Red sono molto indicati per la digitazione. Gli interruttori di questo tipo necessitano di poca forza per essere azionati, quindi permettono una digitazione spedita e poco faticosa anche per ore. Inoltre, fra gli switch Cherry MX, sono i più silenziosi della famiglia, il che in ufficio non guasta. Peccato per la mancanza in dotazione di un poggiapolsi, che sarebbe stato gradito a qualsiasi tipo di clientela.

Il tastierino numerico a destra agevola chi usa Excel, e nonostante la sua presenza questa tastiera misura 440 x 134 x 42 millimetri. Il peso di 1 chilogrammo circa la tiene bene ancorata al piano d’appoggio, grazie anche ai gommini antiscivolo presenti sul retro.

Nella scatola ci sono 4 keycap (le coperture su cui appoggiano i polpastrelli durante la digitazione) per i tasti W,A,S e D, ossia quelli più usati durante i videogiochi. Come accennato, la qualità costruttiva è buona: usandola non si avvertono scricchiolii o flessioni del rivestimento esterno, la base è in plastica rigida mentre la parte superiore è in alluminio con effetto spazzolato, che risulta piacevole alla vista e al tatto. Il cavo per la connessione al computer è rivestito in gomma e lungo 2 metri, più che sufficiente per qualsiasi necessità, e il connettore USB è placcato in oro.

Uno dei motivi per i quali segnaliamo questo modello a chi lavora più che ai giocatori, è che MSI ha implementato una soluzione monocromatica per la retroilluminazione, che aiuta a contenere il prezzo, ma non fa la felicità dei gamer. Non si può scegliere tra diversi colori, in compenso si può controllare l’intensità dell’illuminazione agendo su 5 livelli.

I software che si possono usare per le impostazioni di questa testiera sono due: MSI MysticLight (utile per sincronizzare gli effetti di illuminazione di più dispositivi MSI) e MSI Gaming Center. Nessuno dei due si dimostra realmente utile, perché con questa tastiera non si possono impostare macro o “rimappare” i tasti, così come non è possibile salvare dei profili.

In compenso le prove di digitazione sono state un piacere. La Vigor GK60 è una tastiera reattiva e precisa, con una bassa soglia di attivazione in termini di peso da applicare: basta sfiorare i tasti per digitare le lettere corrispondenti. Inoltre, la corsa è di soli 1,2 millimetri, quindi non stanca le dita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Intelligenza Artificiale autodidatta risolve il cubo di Rubik senza istruzioni

prev
Articolo Successivo

Huawei vuole diventare indipendente dalle tecnologie USA entro il 2021

next