“Sto bene, non c’è nessun bisogno di preoccuparsi”. Lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel dopo che, per la terza volta in meno di un mese, è stata presa da un misterioso tremore, questa volta mentre si trovava insieme con il premier finlandese Antti Rinne. “Sono in una fase di elaborazione del fenomeno, ma ci sono stati progressi. Devo conviverci un po’, ma sto bene e non c’è da preoccuparsi”, ha detto durante una conferenza stampa. “Sono assolutamente convinta di essere perfettamente in grado” di svolgere il mio incarico, ha aggiunto Merkeldurante la conferenza stampa congiunta con il premier finlandese Antti Rinne dopo l’incontro bilaterale. La cancelliera ha spiegato la crisi di oggi chiarendo di essere ancora nella “fase di trattamento” seguita al primo episodio, il 18 giugno scorso, mentre riceveva il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. “Chiaramente non è del tutto finito, ma ci sono progressi”, ha sostenuto. E a chi le ha chiesto se l’opinione pubblica tedesca abbia diritto a sapere della sua salute dopo il terzo episodio di tremore improvviso, Merkel risponde: “Credo di aver fatto dei commenti pertinenti. E penso che la dichiarazione con cui affermo di stare bene debba essere accettata. Credo anche che come è venuto un giorno passerà. Ma ancora non è arrivato questo momento”

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, nessuna liberazione dal centro di detenzione distrutto a Tripoli: migranti sopravvissuti spostati in altre strutture

prev
Articolo Successivo

Tornado e grandine in Grecia: sei turisti morti e 30 feriti nella penisola Calcidica

next